Logo-orizzontale
Icon-chiese-a-porte-aperte Chiese a porte aperte Facebook Share Twitter Tweet il mio itinerario ?

Chiesa di San Giovanni Vincenzo (Sant'Ambrogio di Torino)

Diocesi di Susa ( sec. XVIII )

piazza San Giovanni Vincenzo 2, 10057 Sant'Ambrogio di Torino (TO)

La chiesa parrocchiale di San Giovanni Vincenzo sorse probabilmente nell'XI secolo per volere degli abati di San Michele della Chiusa, monastero da cui rimase dipendente fino all'istituzione della Diocesi di Susa nel 1772. L’edificio attuale è stato costruito su progetto dell’architetto Bernardo Vittone, tra il 1759 e il 1763. Le uniche testimonianze ancora oggi visibili dell'antica chiesa romanica sono il massiccio campanile a base quadrata e l’edificio ad esso addossato, ma più volte rimaneggiato nel corso del tempo. La facciata della chiesa, in mattoni rossi a vista, è modulata da un profilo concavo ed suddivisa in due registri, scandita da colonne e lesene su cui scorre la trabeazione, è coronata da un timpano triangolare. L’interno dell’edificio si sviluppa in una navata unica e si conclude in un’abside poligonale. All’inizio del Novecento, le pareti, le cappelle e la cupola furono decorate da Giorgio Boasso con pitture a trompe l’oeil, a simulare decorazioni in stucco, e rifiniture in stucco. Il pittore Luigi Morgari, che si occupò di affrescare la cupola e i quattro costoloni. Su questi si possono vedere i quattro dottori della Chiesa occidentale: Agostino, Gregorio, Girolamo e Ambrogio. L’altare maggiore ospita il dipinto raffigurante la Madonna col Bambino e i Santi Ambrogio e Giovanni VIncenzo, realizzato dal pittore piemontese Michele Antonio Milocco: ai piedi del gruppo sacro, il pittore ha inserito una dettagliata raffigurazione del borgo di Sant’Ambrogio. L’altare della Madonna del Rosario ospita il dipinto di Giovanni Domenico Molineri, raffigurante la Madonna del Rosario e Santi Domenicani. Due importanti cicli di dipinti si svolgono lungo le pareti della chiesa. Il primo rappresenta gli Episodi della Via Crucis, realizzati nel 1783 da Vittorio Amedeo Rapous, pittore di corte dei Savoia; il secondo rappresenta i Dodici Apostoli, opera eseguita da Agostino Verani tra il 1774 e il 1775. Nel presbiterio si trovano due dipinti che completano il ciclo. Uno rappresenta San Paolo e la Mater Dei, mentre l’altr San Pietro e il Salvator Mundi. La vetrata policroma alle pareti del presbiterio rappresenta la Traslazione delle reliquie di San Giovanni Vincenzo a Sant’Ambrogio. Tra gli arredi custoditi nella parrocchiale si segnala l'antica urna reliquiario del Santo titolare della chiesa, eremita morto nel 1002 e annoverato tra i fondatori dell'abbazia della Sacra di San Michele.

La chiesa è dedicata a San Giovanni Vincenzo, arcivescovo di Ravenna, che si ritirò come eremita sul monte Caprasio sul finire del X secolo. Il santo è annoverato tra i fondatori della Sacra di San Michele. Secondo la leggenda, San Giovanni Vincenzo iniziò i lavori per la costruzione di una cappella sul monte Caprasio, senza però ottenere risultati perché le pietre posate di giorno, di notte scomparivano. Un giorno, San Giovanni decise di rimanere sveglio la notte per scoprire chi spostasse le pietre. Con grande sorpresa si rese conto che erano alcuni angeli a prendere i materiali e a trasferirli sul Monte Pirchiriano. Il Santo quindi, interpretando questo fatto come volontà divina, iniziò i lavori della cappella sul monte indicato dagli angeli. Intorno a questo sacello venne edificata la Sacra di San Michele. Secondo la tradizione, le reliquie del santo sarebbero dovute essere traslate nella chiesa abbaziale della Sacra di San Michele, ma la mula che le trasportava, una volta giunta a Sant'Ambrogio di Torino, si rifiutò di proseguire. Tale situazione fu interpretata come un segno miracoloso della volontà divina affinché il corpo del santo fosse custodito a Sant'Ambrogio. Il 21 novembre si celebra la festa patronale di San Giovanni Vincenzo, con la processione delle reliquie e l'intervento della locale Società della Badia.

Link esterni
Accessibilità
Lun-Dom chiuso

Aperta tutti i Giorni.

Il bene sarà visitabile negli orari indicati salvo celebrazioni liturgiche

Lun-Dom -

Domenica h. 11.00

Info

cattedrale
Cattedrale di Susa
diocesi
Susa
tipologia edificio
Chiese e comunità parrocchiali
indirizzo
piazza San Giovanni Vincenzo 2, 10057 Sant'Ambrogio di Torino (TO)
tel
011/939132
web
www.vallesusa-tesori.it

Servizi

accessibilità
parziale
accoglienza
sconosciuto
didattica
sconosciuto
accompagnamento
true
bookshop
sconosciuto
punto ristoro
sconosciuto

DOVE DORMIRE NELLE VICINANZE

PARROCCHIA SAN GIOVANNI VINCENZO “CASA DEL PELLEGRINO”

PIAZZA SAN GIOVANNI VINCENZO 2, SANT’AMBROGIO DI TORINO , 10057, TO

ALLOGGIO PER PELLEGRINI

011939132 / 3336966120 romeoz@alice.it

Leggi tutto

Certosa 1515

Via Sacra di San Michele 51, Avigliana, 10051, TO

Casa per ferie

011 9313638 info@certosa1515.org

Leggi tutto

CASA CANONICA S. ANTONINO

Piazza Libertà 26, Sant'Antonino di Susa, 10050, TO

CASA CANONICA

011 9649091 / 3470551903 sergiob.61@email.it

Leggi tutto

© 2013 2023 cittaecattedrali.it - Applicazione web e design Showbyte srl - Informativa privacy