Logo-orizzontale
Icon-chiese-a-porte-aperte Chiese a porte aperte Facebook Share Twitter Tweet il mio itinerario ?

Antica Parrocchia di Santa Caterina

Diocesi di Mondovì ( sec. XIII; XVIII )

Piazza Santa Caterina, Villanova Mondovì

La chiesa ha origini molto antiche, la struttura presenta elementi romanici e gotici.
La facciata è sormontata da una poderosa torre campanaria.
Dopo una lunga e ancora aperta serie di restauri sono affiorati gli affreschi quattrocenteschi che si snodano lungo le pareti delle due navate laterali e nel presbiterio.
Nell’interno: sulla parete di controfacciata un Cristo Risorto, attorniato dagli strumenti della Passione, della fine del XVI secolo.
Nella navata sinistra: nella prima campata un finto polittico con la Madonna e il Bambino tra due santi in nicchie, al centro la Crocifissione, sui lati l'Annunciazione. Attorno sono affrescate delle suggestive scene della vita e del martirio di S. Sebastiano, molto venerato come protettore dalla peste: il santo martirizzato è gettato nella cloaca ma, a destra, appare alla nobildonna Lucina e le indica dove trovare il suo corpo.
La seconda campata vede apparire al centro i resti di una Madonna di Misericordia, ai lati una Annunciazione, un Cristo di pietà assistito da S. Grato e una bellissima S. Elena che regge la Croce.
Nelle lunette ogivali della volta a crociera le Storie di S. Gioacchino con scorci prospettici di costruzioni merlate.
Sulle ultime campate gli affreschi, di pregevole fattura, sono attribuiti a Rufino di Alessandria e sono datati tra il 1410 e il 1415. Si ammira: il Battista e San Bartolomeo; un Santo monaco cistercense; gli Dottori della Chiesa; San Michele arcangelo con lunghi capelli biondi e armatura; un bellissimo San Sebastiano in abito di corte, con una freccia nella mano, elegantissimo in calzamaglia rossa fiammante, mantello argento festonato e berretto con piuma; San Bernardo e San Lorenzo.
Nella parete del battistero un frammento di affresco incorniciato ad ancona di altare, rappresenta il Battesimo di Gesù a cui assiste un elegante airone cinerino ritto sulle rocce del Giordano.
Nel presbiterio scene molto danneggiate della vita di Santa Caterina di Alessandria. A sinistra un antico tabernacolo ricavato nella parete è datato 1547.
In testa alla prima navate di destra, sempre attribuito a Rufino: il Martirio di Santo Stefano, una scena concitata ed insieme ieratica e solenne; nel sott’arco i Profeti: Amos e Samuele .

La Processione del Gallo
La tradizione della processione del Giovedì Santo, denominata “del gallo”, inizia nel XVII secolo e perdura fino agli anni ‘50 dello scorso secolo. Per le vie dell’antico borgo di Villavecchia si snodava la processione aperta dai “sergentini”, i priori della Confraternita dei Luigini in manto bianco e nastro azzurro; seguivano le Figlie di Maria, le Umiliate e i batù con in mano i lunghi bastoni con i simboli della Passione. In capo alla processione vi era un Cristo che portava la pesante croce: vestito di una tunica rossa, era incappucciato e la sua identità era conosciuta solo dai membri della Confraternita dei Disciplinati. Spesso era una persona che impersonava il Cristo per penitenza o per voto: si diceva che se fosse morto entro l’anno della processione sarebbe andato direttamente in Paradiso.
Nell’ex parrocchia di S. Caterina, sulla parete di ingresso, vi è un affresco (XVI-XVII secolo) che presenta Cristo attorniato dai simboli della Passione: i chiodi e le tenaglie,la borsa dei trenta denari, la mano e i dadi per tirare la sorte, la brocca d’aceto, il bacile dove Pilato si lavò le mani, la lancia, la scala, la tunica e il famoso gallo che ha dato il nome alla processione. Si può dire così come questa tradizione fosse fortemente sentita dai parrocchiani. Ancora oggi esistono le aste processionali con i simboli, detti “misteri”.
Dal 1700 poi, il Venerdì Santo la comunità si ritrovava per la “Via Crucis” fino al monte Momburgo che sovrasta Villavecchia e che da allora venne chiamato Monte Calvario.

Liens externes
Approfondissements
Ex Parrocchia Santa Caterina

Approfondimenti sugli affreschi della chiesa

Lun-Sab chiuso
Dom 16:00 - 18:00

A causa dell'epidemia di Covid, il bene è momentaneamente chiuso.

Le site pourra être visité durant l'horaire indiqué sauf en cas de célébrations liturgiques

Infos

cathédrale
Cattedrale di Mondovì
diocèses
Mondovì
type d'édifices
Chiese e comunità parrocchiali
adresse
Piazza Santa Caterina, Villanova Mondovì
tél
+39 0174699043
web
www.sebastianus.org

Services

accessibilité
si
accueil
true
didactique
inconnu
accompagnement
true
bookshop
inconnu
restauration
inconnu

OÙ DORMIR À PROXIMITÉ

CASA DI SPIRITUALITA CERTOSA DI PESIO

LOCALITA' CERTOSA DI PESIO 1, CHIUSA PESIO, 12013, CN

Ostello con indirizzo spirituale

0171738123 / 0171738284 certosa@consolata.net

Lire tout

MONASTERO SS.MA ANNUNZIATA

VIA DELL’ANNUNZIATA 1 30, FOSSANO, 12045, CN

FORESTERIA PER RITIRI SPIRITUALI

017260879 benedettinefossano@alice.it

Lire tout

CASA PASCAL D’ILLONZA

VIA DEL VILLAR SAN COSTANZO 5, CUNEO – SAN PIETRO DEL GALLO , 12100, CN

casa per ferie dedicata a esercizi spirituali guidati

0171682223 / 3287241116 casaesercizi@diocesicuneo.it

Lire tout

© 2013 2020 cittaecattedrali.it - Applicazione web e design Showbyte srl - Informativa privacy