Logo-orizzontale
Icon-chiese-a-porte-aperte Chiese a porte aperte Facebook Share Twitter Tweet il mio itinerario ?

Sacra di San Michele (Sant'Ambrogio di Torino)

Diocesi di Susa ( sec. X; XII )

Sacra di San Michele, 10057 Sant'Ambrogio di Torino, Torino

Fondata tra il 983 e il 987 sul monte Pirchiriano, fu uno dei più importanti centri della cultura monastica benedettina europea. Fu edificata grazie a diverse personalità: il marchese e il vescovo di Torino, i nobili pellegrini alverniati facenti capo a Ugo di Montboissier, San Giovanni Vincenzo e gli eremiti insediati sul vicino monte Caprasio. Nel 1622 i monaci benedettini lasciarono la Sacra e nel 1802 il governo francese soppresse definitivamente l’abbazia, che visse un periodo di abbandono fino al 1836, anno in cui il re Carlo Alberto l’affidò ai padri Rosminiani. L’abbazia è preceduta da un edificio romanico, il Sepolcro dei Monaci, a pianta a croce greca, con quattro nicchie circolari, risalente all’inizio dell’XI secolo. Si giunge poi alla Porta di Ferro, dell’ XI secolo, che dà accesso al complesso abbaziale. Si tratta di una bassa torre, cui un tempo si accedeva per mezzo di un ponte levatoio. Oltrepassata la Porta, una breve scalinata conduce all’area della foresteria, sovrastata da un'imponente facciata dell’abbazia, alta 41 metri e caratterizzata in alto dalla Loggia dei Viretti. Entrati nel complesso si percorre lo Scalone dei Morti, così detto poiché nelle ampie nicchie che si aprono lungo le pareti si conservano scheletri di monaci. Alla sommità dello scalone si trova il composito Portale dello Zodiaco, realizzato tra il 1128 e il 1130 e firmato dal Maestro Nicolao, ma alla cui esecuzione prese parte anche Pietro da Lione. Un’ultima rampa di scale conduce all’ingresso della chiesa, costituito da un portale romanico a fasce policrome. La “Nuova chiesa”, costruita su un più antico edificio corrispondente all'attuale cripta, fu costruita in due fasi a partire dal XII secolo. La prima fase costruttiva è connotata da interventi in stile romanico, mentre la seconda, gotica, è invece caratterizzata dalla presenza di pilastri a fascio. Nel coro i grandi pilastri cilindrici sono decorati con intrecci di animali e il finestrone absidale è decorato, ai lati, dalla raffigurazione dell’Annunciazione e dai quattro profeti maggiori: Isaia, Geremia, Ezechiele e Daniele. Tra le numerose opere pittoriche presenti nella chiesa, si segnala, nei pressi dell’ingresso, sulla sinistra, l’affresco con la Deposizione di Cristo nel sepolcro, la Dormitio Virginis e l’Assunzione della Vergine realizzato da Secondo del Bosco da Poirino nel 1505; altre opere ad affresco, anch’esse risalenti al XVI secolo, sono ancora visibili nel Coro Vecchio e sui pilastri delle absidi minori. Nel Coro Vecchio spiccano, inoltre, il Trittico della Vergine col Bambino, San Michele Arcangelo e San Giovanni Vincenzo che presenta alla Vergine il committente, Urbano di Miolans, realizzato da Defendente Ferrari, tra il 1503 e il 1522, e l’affresco cinquecentesco che rappresenta la il leggendario episodio della costruzione della Sacra da parte degli angeli. Al 1633 risale la tela raffigurante San Michele Arcangelo di Antonio Maria Viani.

La Sacra è dedicata all’Arcangelo Michele, difensore della Fede e del Popolo cristiano. L’abside della chiesa è orientata verso il punto esatto in cui sorge il sole il 29 settembre, giorno della festività di San Michele. All’interno della chiesa abbaziale si conservano alcuni sepolcri in pietra contenenti le salme di alcuni membri di casa Savoia, la cui traslazione fu voluta dal re Carlo Alberto in occasione dell'insediamento dei Rosminiani e della riapertura al culto dell'abbazia.

Link esterni
Accessibilità
Lun-Dom chiuso

16 marzo - 15 ottobre → Feriali: 9.30-12.30; 14.30 -18, festivi: 9.30-12; 14.30 -18.30
16 ottobre - 15 marzo → Feriali: 9.30-12.30; 14.30-17, festivi: 9.30-12; 14.30-17.30
Chiusa il lunedì. Pasquetta, 25 aprile, 1 maggio, 2 giugno e 15 agosto: aperto con orario continuato 9.30-18.30.
Dal 17 luglio al 18 settembre 2017 aperto anche il lunedì con orario 9.30-12.30 e 14.30-18

Il bene sarà visitabile negli orari indicati salvo celebrazioni liturgiche

Lun-Dom -

Periodo estivo: ore 12.00 e 18.30
Periodo invernale: ore 12.00

Info

cattedrale
Cattedrale di Susa
diocesi
Susa
tipologia edificio
Abbazie e Monasteri
indirizzo
Sacra di San Michele, 10057 Sant'Ambrogio di Torino, Torino
tel
011/939130
mail
info@sacradisanmichele.com
web
www.sacradisanmichele.com

Servizi

accessibilità
si
accoglienza
true
didattica
true
accompagnamento
true
bookshop
true
punto ristoro
sconosciuto

DOVE DORMIRE NELLE VICINANZE

PARROCCHIA SAN GIOVANNI VINCENZO “CASA DEL PELLEGRINO”

PIAZZA SAN GIOVANNI VINCENZO 2, SANT’AMBROGIO DI TORINO , 10057, TO

ALLOGGIO PER PELLEGRINI

011939132 / 3336966120 romeoz@alice.it

Leggi tutto

Certosa 1515

Via Sacra di San Michele 51, Avigliana, 10051, TO

Casa per ferie

011 9313638 info@certosa1515.org

Leggi tutto

CASA CANONICA S. ANTONINO

Piazza Libertà 26, Sant'Antonino di Susa, 10050, TO

CASA CANONICA

011 9649091 / 3470551903 sergiob.61@email.it

Leggi tutto

© 2013 2023 cittaecattedrali.it - Applicazione web e design Showbyte srl - Informativa privacy