Logo-orizzontale
Icon-chiese-a-porte-aperte Chiese a porte aperte Facebook Share Twitter Tweet il mio itinerario ?

Santi Carlo e Anna (Castellazzo B.da)

Diocesi di Alessandria ( sec. XVII; XVIII; XIX )

Piazza San Carlo, 15073, Castellazzo Bormida, Alessandria

La chiesa dei SS. Carlo e Anna venne costruita nel centro dell’abitato di Castellazzo Bormida (AL) per volontà testamentarie di Maddalena Trotti e la prima pietra fu posata nel 1631. Gli eventi bellici del tempo obbligarono a ripetute interruzioni nella costruzione e le fasi edilizie che hanno plasmato il complesso architettonico, facendogli assumere l’aspetto attuale, sono tre. La prima è quella che ha visto la realizzazione dell’abside e terminò nel 1665, la seconda è quella che ha permesso il compimento del corpo della chiesa con la conclusione della facciata in stile barocco piemontese nel 1714. La terza e ultima fase è stata caratterizzata dalla sopraelevazione della torre campanaria nel 1892.
L’edificio è costruito interamente in muratura di mattoni e spicca per la facciata più alta rispetto all’aula retrostante, divisa in due zone da una cornice in aggetto. La parte inferiore con i tre portali di accesso è spartita da sei lesene, mentre quattro sono quelle della parte superiore che sorreggono il timpano di coronamento. Al centro è inserita un’ampia finestra rettangolare sormontata da timpano curvo analogo a quello esistente sul portale principale, mentre due volute raccordano il volume della navata centrale a quello delle cappelle laterali. Per dare ancora più slancio, sopra al coronamento a capanna, sono stati costruiti tre pinnacoli.
Lo schema planimetrico della chiesa è ad aula unica con abside poligonale, divisa in tre campate su cui si aprono tre cappelle per lato. L’aula è coperta da volta una volta a botte lunettata in corrispondenza delle finestre, irrigidita da costoloni in muratura a cui all’esterno corrispondono dei contrafforti. La copertura lignea si articola su diversi livelli: ha un’orditura alla piemontese sulle cappelle laterali, e alla lombarda sull’aula centrale e sull’abside, mentre il manto di copertura è in coppi.
La torre campanaria fu sopraelevata su progetto dell’Ingegner Crescentino Caselli (1849-1932) che nel 1893 la portò a 44,64 metri di altezza. Il risultato è un campanile snello coronato da una serie di mensoloni sorreggenti una balconata e terminante in una copertura a padiglione con un manto in lose policrome.

Nella sacrestia dietro la chiesa Paolo Danei (1694-1775), poi divenuto santo come San Paolo della Croce, tra il 1720 e il 1721 scrisse il primo testo della regola dei Passionisti. Le stanze occupate dal futuro santo ospitano oggi un piccolo museo sulla sua vita.
Paolo Danei nacque a Ovada, nell'Alessandrino, il 3 gennaio 1694 da famiglia nobile ma si fa eremita e a 26 anni il suo vescovo gli consente di vivere in solitudine nella chiesa dei SS. Carlo e Anna a Castellazzo Bormida. Mosso da singolare carità verso Cristo crocifisso contemplato nel volto dei poveri e dei malati, farà esattamente ciò che all’epoca risulta più impopolare. Fonderà un nuovo ordine religioso in una stagione di avversione dei governi e di debolezza nella Chiesa mentre la fede è sopportata da molti solo quale condimento di ritualità elegante. Nel 1725 Benedetto XIII lo autorizza a raccogliere compagni: comincia a farsi chiamare “Frate Paolo della Croce”, poi fonda l'ordine dei “Chierici scalzi della Santa Croce e della Passione di Nostro Signore Gesù Cristo” (Passionisti). Nel 1727 viene ordinato prete a Roma e ritirato sul Monte Argentario raccoglie intorno a sé i primi Passionisti, che il fondatore educa come predicatori agguerriti contro l’ignoranza, l’irreligiosità, l’abbandono del Vangelo. Paolo della Croce muore nel 1775 a Roma dopo aver visto confermata, senza modifiche, la regola del suo Ordine che, nato “fuor di tempo” nel XVIII secolo, alla fine del XX è attivo in tutto il mondo. Il Padre dei Passionisti, noti per l’emblema della croce e del cuore che portano sul saio, verrà proclamato santo da Pio IX nel 1867 e il suo anniversario ricorre il 18 ottobre.

Link esterni
Approfondimenti
Lun-Dom 09:00 - 12:00 15:00 - 18:00

Il bene sarà visitabile negli orari indicati salvo celebrazioni liturgiche

Lun-Ven -
Sab 18:00
Dom -

La Messa viene celebrata solo nel periodo estivo, ogni sabato, in alternanza con la Parrocchia di San Martino.

Info

cattedrale
Cattedrale di Alessandria
diocesi
Alessandria
tipologia edificio
Chiese e comunità parrocchiali
indirizzo
Piazza San Carlo, 15073, Castellazzo Bormida, Alessandria
tel
0131-275426
mail
beniculturali@diocesialessandria.it
web
http://www.diocesialessand

Servizi

accessibilità
si
accoglienza
sconosciuto
didattica
sconosciuto
accompagnamento
sconosciuto
bookshop
sconosciuto
punto ristoro
sconosciuto

DOVE DORMIRE NELLE VICINANZE

CASA SAPPA

VIA S. GIACOMO DELLA VITTORIA 63, ALESSANDRIA, 15121, AL

Casa di accoglienza

0131252988 casasappa@fastwebnet.it

Leggi tutto

ISTITUTO MADONNA DELLE GRAZIE

VIALE DON BOSCO 40, NIZZA MONFERRATO, 14049, AT

CASA PER FERIE

01411806000 casaperferie.fmanizza@gmail.com

Leggi tutto

CASA CANONICA PARROCCHIA SS. MARTINO E STEFANO

Via Tripoli 35, SERRAVALLE SCRIVIA, 15069, AL

CASA CANONICA

014365191 parr.serravallescriv@libero.it

Leggi tutto

© 2013 2021 cittaecattedrali.it - Applicazione web e design Showbyte srl - Informativa privacy