Logo-orizzontale
Icon-chiese-a-porte-aperte Chiese a porte aperte Facebook Share Twitter Tweet il mio itinerario ?

Antica Parrocchia di Santa Caterina

Diocesi di Mondovì ( sec. XIII; XVIII )

Piazza Santa Caterina, Villanova Mondovì

La chiesa ha origini molto antiche, la struttura presenta elementi romanici e gotici.
La facciata è sormontata da una poderosa torre campanaria.
Dopo una lunga e ancora aperta serie di restauri sono affiorati gli affreschi quattrocenteschi che si snodano lungo le pareti delle due navate laterali e nel presbiterio.
Nell’interno: sulla parete di controfacciata un Cristo Risorto, attorniato dagli strumenti della Passione, della fine del XVI secolo.
Nella navata sinistra: nella prima campata un finto polittico con la Madonna e il Bambino tra due santi in nicchie, al centro la Crocifissione, sui lati l'Annunciazione. Attorno sono affrescate delle suggestive scene della vita e del martirio di S. Sebastiano, molto venerato come protettore dalla peste: il santo martirizzato è gettato nella cloaca ma, a destra, appare alla nobildonna Lucina e le indica dove trovare il suo corpo.
La seconda campata vede apparire al centro i resti di una Madonna di Misericordia, ai lati una Annunciazione, un Cristo di pietà assistito da S. Grato e una bellissima S. Elena che regge la Croce.
Nelle lunette ogivali della volta a crociera le Storie di S. Gioacchino con scorci prospettici di costruzioni merlate.
Sulle ultime campate gli affreschi, di pregevole fattura, sono attribuiti a Rufino di Alessandria e sono datati tra il 1410 e il 1415. Si ammira: il Battista e San Bartolomeo; un Santo monaco cistercense; gli Dottori della Chiesa; San Michele arcangelo con lunghi capelli biondi e armatura; un bellissimo San Sebastiano in abito di corte, con una freccia nella mano, elegantissimo in calzamaglia rossa fiammante, mantello argento festonato e berretto con piuma; San Bernardo e San Lorenzo.
Nella parete del battistero un frammento di affresco incorniciato ad ancona di altare, rappresenta il Battesimo di Gesù a cui assiste un elegante airone cinerino ritto sulle rocce del Giordano.
Nel presbiterio scene molto danneggiate della vita di Santa Caterina di Alessandria. A sinistra un antico tabernacolo ricavato nella parete è datato 1547.
In testa alla prima navate di destra, sempre attribuito a Rufino: il Martirio di Santo Stefano, una scena concitata ed insieme ieratica e solenne; nel sott’arco i Profeti: Amos e Samuele .

La Processione del Gallo
La tradizione della processione del Giovedì Santo, denominata “del gallo”, inizia nel XVII secolo e perdura fino agli anni ‘50 dello scorso secolo. Per le vie dell’antico borgo di Villavecchia si snodava la processione aperta dai “sergentini”, i priori della Confraternita dei Luigini in manto bianco e nastro azzurro; seguivano le Figlie di Maria, le Umiliate e i batù con in mano i lunghi bastoni con i simboli della Passione. In capo alla processione vi era un Cristo che portava la pesante croce: vestito di una tunica rossa, era incappucciato e la sua identità era conosciuta solo dai membri della Confraternita dei Disciplinati. Spesso era una persona che impersonava il Cristo per penitenza o per voto: si diceva che se fosse morto entro l’anno della processione sarebbe andato direttamente in Paradiso.
Nell’ex parrocchia di S. Caterina, sulla parete di ingresso, vi è un affresco (XVI-XVII secolo) che presenta Cristo attorniato dai simboli della Passione: i chiodi e le tenaglie,la borsa dei trenta denari, la mano e i dadi per tirare la sorte, la brocca d’aceto, il bacile dove Pilato si lavò le mani, la lancia, la scala, la tunica e il famoso gallo che ha dato il nome alla processione. Si può dire così come questa tradizione fosse fortemente sentita dai parrocchiani. Ancora oggi esistono le aste processionali con i simboli, detti “misteri”.
Dal 1700 poi, il Venerdì Santo la comunità si ritrovava per la “Via Crucis” fino al monte Momburgo che sovrasta Villavecchia e che da allora venne chiamato Monte Calvario.

Link esterni
Approfondimenti
Ex Parrocchia Santa Caterina

Approfondimenti sugli affreschi della chiesa

Lun-Sab chiuso
Dom 16:00 - 18:00

Da Maggio a Settembre la prima e seconda Domenica del mese dalle 16.00 alle 18.00

Il bene sarà visitabile negli orari indicati salvo celebrazioni liturgiche

Lun-Dom -

Info

cattedrale
Cattedrale di Mondovì
diocesi
Mondovì
tipologia edificio
Chiese e comunità parrocchiali
indirizzo
Piazza Santa Caterina, Villanova Mondovì
tel
+39 0174699043
web
www.sebastianus.org

Servizi

accessibilità
si
accoglienza
true
didattica
sconosciuto
accompagnamento
true
bookshop
sconosciuto
punto ristoro
sconosciuto

DOVE DORMIRE NELLE VICINANZE

CASA DI SPIRITUALITA CERTOSA DI PESIO

LOCALITA' CERTOSA DI PESIO 1, CHIUSA PESIO, 12013, CN

Ostello con indirizzo spirituale

0171738123 / 0171738284 certosa@consolata.net

Leggi tutto

MONASTERO SS.MA ANNUNZIATA

VIA DELL’ANNUNZIATA 1 30, FOSSANO, 12045, CN

FORESTERIA PER RITIRI SPIRITUALI

017260879 benedettinefossano@alice.it

Leggi tutto

CASA PASCAL D’ILLONZA

VIA DEL VILLAR SAN COSTANZO 5, CUNEO – SAN PIETRO DEL GALLO , 12100, CN

casa per ferie dedicata a esercizi spirituali guidati

0171682223 / 3287241116 casaesercizi@diocesicuneo.it

Leggi tutto

© 2013 2019 cittaecattedrali.it - Applicazione web e design Showbyte srl