Logo-orizzontale
Icon-chiese-a-porte-aperte Chiese a porte aperte Facebook Share Twitter Tweet il mio itinerario ?

Chiesa della SS. Trinità

Diocesi di Torino ( sec. XVIII )

Corso Cottolengo, 12042 Bra (CN)

Situata in posizione dominante sulla “Rocca” vicino alla casa del Santo Cottolengo e all’antico Palazzo Mathis, la Confraternita dei Disciplinanti Bianchi ha origini assai antiche. Fu eretta in Bra fin dal XIV secolo e fu dotata dei privilegi da Papa Callisto III. La prima chiesa, di ridotte dimensioni e completamente affrescata con scene di vita della Passione di Gesù, fu utilizzata dai confratelli per oltre trecento anni, finché nel 1623 fu abbattuta e i materiali di recupero utilizzati per la costruzione di quella nuova. L’antico oratorio fu sostituito da un pilone votivo, oggi anch’esso scomparso.
La prima pietra della nuova chiesa fu posta nel 1618 ed il 5 giugno 1626 fu aperta al culto. L’edificio è a pianta rettangolare, con un’unica ampia navata su cui si aprono in prossimità del presbiterio due cappelle laterali. Nel XVIII secolo la chiesa fu ampliata nella parte posteriore.
L’esterno presenta una facciata ad intonaco con un solo portale sormontato dalla statua della Madonna con Bambino.
Di particolare pregio è la decorazione interna, tornata a piena leggibilità dopo i recenti restauri. La Trinità rimasta spoglia fino al 1670, quando sono documentate le prime committenze, vanta la presenza di una straordinaria decorazione a stucco che avvolge tutta la volta, opera di Domenico e Pietro Beltramelli, luganesi di origine poi trasferitisi a Savigliano, che li realizzarono tra il 1699 ed il 1700. Si innestano su di essi gli affreschi del cheraschese Sebastiano Taricco attestato affianco ai Beltramelli, secondo i documenti d’archivio solo in parte noti, tra il 1699 ed il 1702, raffiguranti “La Trinità e la missione del Verbo”, “Cristo perfezionassero delle Legge e dei profeti”, “Il Verbo annunciatore alla quattro parti del mondo”. Sempre di mano del Taricco sono i quattro grandi affreschi sulle pareti laterali con la “Trasfigurazione di Cristo”, la “Cristo prima dell’Ascensione”, “Predicazione di San Paolo”, “San Pietro che guarisce uno storpio”.
Addossate al presbiterio si trovano due statue in stucco secentesche di Bernardino Quadri con San Crisanto e Santa Daria.
La cappella del Cristo Risorto vanta preziosi affreschi del braidese Pietro Paolo Operti; qui sono inoltre conservate le quattordici tele con la Via Crucis dipinte per i Frati Osservanti e cedute alla Trinità nel 1795.
Di notevole qualità è poi la tela della “Presentazione di Gesù al Tempio” di Charles Dauphin, artista attivo alla corte di Torino nella seconda metà del Seicento. Il dipinto, datato al 1678 ed entrato nelle proprietà della Confraternita in un’epoca imprecisata, era un tempo collocato nella cappella del Cristo Risorto; a seguito del restauro è stato posizionato nel presbiterio della chiesa.
La chiesa della Trinità conserva infine un Crocifisso ligneo di Carlo Giuseppe Plura.

dddd

Link esterni
Approfondimenti

Il bene sarà visitabile negli orari indicati salvo celebrazioni liturgiche

Info

cattedrale
Cattedrale di Torino
diocesi
Torino
tipologia edificio
Confraternite
indirizzo
Corso Cottolengo, 12042 Bra (CN)

Servizi

accessibilità
sconosciuto
accoglienza
sconosciuto
didattica
sconosciuto
accompagnamento
sconosciuto
bookshop
sconosciuto
punto ristoro
sconosciuto

© 2013 2017 cittaecattedrali.it - Applicazione web e design Showbyte srl