Logo-orizzontale
Facebook Share Twitter Tweet il mio itinerario ?

Pieve di San Pietro (Volpedo)

Diocesi di Tortona ( sec. X; XV )

Via Cornaggia, 15059, Volpedo, AL

La pieve di Volpedo è citata per la prima volta in un documento del 965 conservato nell'Archivio Capitolare di Tortona.
L’attuale edificio, che sorge nel luogo in cui preesisteva , forse fin dal V–VI secolo, un’antica chiesa battesimale, è stato fondato nel X secolo e presenta una struttura semplice in mattoni e ciottoli di fiume. La muratura originaria si conserva in corrispondenza dell'abside e, per brevi tratti, delle pareti laterali; le restanti parti risalgono ad una ricostruzione probabilmente quattrocentesca.
All’interno, una cultura figurativa locale di alto livello è documentata da un ciclo di affreschi databili alla seconda metà del XV secolo e ai primissimi anni del XVI. Figure di santi ornano pareti e pilastri; l'abside è decorata con una schiera di Apostoli ed Evangelisti, intervallata dall'immagine di Re David. Nel catino absidale emerge la figura del Cristo Pantocratore attorniato dai simboli degli Evangelisti, dalla Vergine e dall'arcangelo Michele. In base ai caratteri stilistici e tipologici è stata individuata la presenza di cinque differenti mani, ma solo a due di esse è stato possibile attribuire un nome: si segnala in particolare la presenza del cosiddetto “Magister Antonius”. Con questo nome, assegnato sulla base di un’iscrizione presente proprio all’interno della pieve di San Pietro, si individua un’artista attivo nel Tortonese e nell’Alessandrino nella seconda metà del XV secolo: alla sua opera sono riconducibili gli affreschi dell’abside e un buon numero di quelli presenti sulle facce dei pilastri quadrangolari, le cui datazioni variano dal 1460 al 1462. Giovanni Quirico da Tortona è l'esecutore dell'edicola con la Vergine in trono e i santi Giacomo apostolo e Agata, addossata al terzo pilastro destro e datata 1502. La figura di Santa Caterina, presente sulla controfacciata, è avvicinabile ai modi compositivi della scuola dei Boxilio, attiva nel Tortonese a cavallo tra XV e XVI secolo.

I restauri eseguiti nel 2006 hanno portato alla scoperta della figura del Re David, precedentemente nascosto sotto la Madonna con il Bambino, ora collocata nella navata di destra. Questa scoperta ha modificato la lettura iconografica degli affreschi dell'abside. L'immagine del Re David è in perfetto rapporto con le altre figure ed il cartiglio che reca in mano è tratto da uno dei salmi, così come quello che hanno in mano gli Apostoli. Questa rappresentazione, vista ora nella sua totalità originaria, aveva sicuramente scopo didascalico e di divulgazione per i fedeli.
All'interno della chiesa, durante il mese mariano di maggio, vi si celebra il rosario e la Santa Messa. Su autorizzazione del Parroco dell'omonima parrocchia di S. Pietro in Volpedo, è possibile celebrare il sacramento del matrimonio.

Link esterni
Approfondimenti
Lun-Ven chiuso
Sab-Dom 15:00 - 17:00

Aperture straordinarie della pieve e visite guidate possono essere richieste all'Associazione Pellizza da Volpedo.

Lun-Ven chiuso
Sab-Dom 16:00 - 19:00

Il bene sarà visitabile negli orari indicati salvo celebrazioni liturgiche

Info

cattedrale
Cattedrale di Tortona
diocesi
Tortona
tipologia edificio
Pievi
indirizzo
Via Cornaggia, 15059, Volpedo, AL
tel
(+39)013180136 / (+39)131 80318
web
www.pellizza.it

Servizi

accessibilità
si
accoglienza
sconosciuto
didattica
sconosciuto
accompagnamento
sconosciuto
bookshop
sconosciuto
punto ristoro
sconosciuto

© 2013 2017 cittaecattedrali.it - Applicazione web e design Showbyte srl