Logo-orizzontale
Icon-chiese-a-porte-aperte Chiese a porte aperte Facebook Share Twitter Tweet il mio itinerario ?

Basilica Minore di San Pietro Apostolo (Broni)

Diocesi di Tortona ( sec. IV; XVII; XX )

Piazza San Francesco d'Assisi 18, 27043, Broni, PV

A Broni, nella centrale Piazza San Francesco, sul lato opposto del Municipio, sorge la Basilica minore di San Pietro Apostolo. Il titolo di Basilica gli venne attribuito nel 1953.
Il primo edificio, risalente al III-IV secolo d.C., era di dimensioni molto più ridotte confronto l’attuale che oggi si presenta come un articolato complesso caratterizzato da un’imponente facciata che guarda su Piazza Garibaldi. Spostando lo sguardo, sul fianco destro, le botteghe animano il versante sulla Via Emilia, mentre si è condotti gradualmente verso l’alto dalla cupola ottocentesca sovrastata dal campanile Seicentesco.
Varcata la soglia la chiesa si presenta divisa in tre navate da pilastri scanalati che sorreggono la volta a botte decorata nel 1929 dal pittore bergamasco Pietro Servalli: al centro Pio VII benedicente il clero di Broni, verso la controfacciata il medaglione con stemma estense ricorda le origini nobiliari di San Contardo, patrono della città, verso l’altare maggiore il medaglione con lo stemma del Comune di Broni.
Il ricco apparato decorativo venne realizzato a partire dal XVII secolo. Nel 1652 Angelo Galassini di Lugano e il lombardo Paolo Rossi vennero chiamati per decorare la cappella del Rosario e i fascioni che dividono le navate, mentre gli ornamenti in stucco ai cornicioni e ai capitelli sono opera settecentesca. I putti e gli stucchi della navata centrale vennero inseriti nei restauri del Novecento.
Sulla sinistra, addossato al quarto pilastro, il pulpito Settecentesco in radica.
Nel presbiterio le pareti sono riccamente ornate da stucchi. Nelle nicchie le imponenti statue dei Dottori della Chiesa, quelle di San Pietro e San Paolo affiancano la grande tela raffigurante il Seicentesco Martirio di San Pietro Apostolo attribuita al milanese Carlo Preda. Nel catino absidale, la maestosa decorazione con la Crocifissione di Cristo attorniato da angeli.
Il coro ligneo del XVIII secolo è su due ordini divisi da braccioli scolpiti e da lesene a doppia ansa.
Il centro della crociera è sovrastato dall’imponente cupola ottocentesca.
A sinistra del presbiterio si trova la settecentesca cappella del Rosario, anche qui gli stucchi animano le pareti incorniciando le pitture del pavese Giovanni Battista Tassinari, artista attivo nella Diocesi Tortonese nel XVII secolo come testimonia il suo dipinto nel Museo Diocesano di Tortona e che, come ricorda l’iscrizione dipinta sulla parete sinistra, nel 1611 nella Basilica di Broni dipinse l’intero ciclo dei Misteri del Rosario: a fianco dell’altare i misteri gaudiosi, sulla parete destra i misteri gloriosi e quelli dolorosi, inseriti in cornici barocche, mentre al centro la grande tela con la Battaglia di Lepanto è opera seicentesca del pittore milanese Giovanni Giuseppe del Sole.
Gli storici riconoscono nella cappella del Rosario il piccolo oratorio da cui ebbe origine l’attuale costruzione che venne ad innestarsi perpendicolarmente alla precedente con la nuova pianta a croce latina.
A destra del presbiterio troviamo la cappella di San Contardo, il pellegrino protettore di Broni. La vita del Santo, appartenente alla nobile famiglia degli Estensi, è illustrata in un ciclo di affreschi dal maestro Giovanni Battista del Sole, fratello dell’autore che dipinse la Battaglia di Lepanto nella cappella del Rosario. Il patrono di Broni giunse nella cittadina dell’Oltrepo’ pavese nel XIII secolo, quando, fatto voto di povertà e offertosi al Signore, Contardo intraprese il pellegrinaggio verso Santiago di Compostella insieme a due compagni di viaggio, ma, ammalatosi durante il cammino, fu costretto a fermarsi a Broni dove morì il 16 aprile del 1249. Di particolare interesse l’affresco con il “Miracolo delle campane” dov’è possibile vedere uno spaccato, seppur rielaborato, della Broni seicentesca.
Al centro della cappella, esposto alla devozione, si trova il corpo di San Contardo. La teca, in legno scolpito e dorato, racchiude le reliquie del Santo, vestito da pellegrino.
Infine di particolare interesse, nella navata destra, la cappella del Sacro Cuore con il Trittico della Guerra, opera Novecentesca del tortonese Angelo Barabino, pittore divisionista la cui attività si intrecciò negli anni giovanili con quella di Pellizza da Volpedo. Al centro è rappresentato il Sacro Cuore di Gesù, a sinistra Caino e Abele, a destra San Giovanni e Maria Maddalena.

San Contardo è Santo pellegrino protettore di Broni.
Appartenente alla nobile famiglia degli Estensi, abbracciò volontariamente la povertà e, fatto voto al Signore, si diresse in pellegrinaggio verso Santiago di Compostella. Con lui erano due compagni di viaggio.
Fermatosi a Broni per recuperare le forze, fu colto da improvvisa malattia e qui morì il 16 aprile del 1249.
Le spoglie del Santo si trovano all'interno della Basilica di San Pietro a Broni, nella prima cappella a destra del presbiterio.
Vestito da pellegrino, con il bastone, la conchiglia e la borraccia, è esposto alla devozione entro una preziosa teca dorata. L'arca di legno è opera dello scultore Giovan Battista Turcazzano (sec. XVII).
San Contardo viene festeggiato e onorato dalla popolazione che lo ricorda solennemente tutti gli anni l'ultimo sabato del mese di agosto.
La vita del Santo è illustrata in un ciclo di affreschi dal maestro Giovanni Battista del Sole:
- Contardo riceve la benedizione paterna prima della partenza. (Sullo sfondo una veduta della città di Ferrara)
- La partenza di Contardo con i due compagni.
- L'arrivo a Broni. (Sullo sfondo le colline di Broni)
- La salita al monte.
- I compagni portano Contardo giù dal monte e ripartono da soli.
- Contardo è allontanato dall'albergo.
- La morte di Contado alla presenza di un sacerdote e altre persone.
- Contardo riceve il viatico.
- Funerale di Contardo.
- La sepoltura di Contardo.
- Apparizione delle quattro formelle sul sepolcro.
- Le rivelazioni dell'ossessa di Lirio.
- Gli Estensi riconoscono la salma.
- Un sacerdote celebra la messa per il Santo.
Sulla volta l'affresco rappresenta la Gloria di San Contardo.

Link esterni
Approfondimenti
Lun-Ven 08:00 - 12:00 16:00 - 18:00
Sab 08:00 - 12:00 08:00 - 18:00
Dom 08:00 - 12:00 16:00 - 18:00

Il bene sarà visitabile negli orari indicati salvo celebrazioni liturgiche

Info

cattedrale
Cattedrale di Tortona
diocesi
Tortona
tipologia edificio
Chiese e comunità parrocchiali
indirizzo
Piazza San Francesco d'Assisi 18, 27043, Broni, PV
tel
038556100
cel
3382719359
mail
parrocchiabroni@libero.it

Servizi

accessibilità
si
accoglienza
sconosciuto
didattica
sconosciuto
accompagnamento
sconosciuto
bookshop
sconosciuto
punto ristoro
sconosciuto

DOVE DORMIRE NELLE VICINANZE

© 2013 2021 cittaecattedrali.it - Applicazione web e design Showbyte srl - Informativa privacy