Logo-orizzontale
Icon-chiese-a-porte-aperte Chiese a porte aperte Facebook Share Twitter Tweet il mio itinerario ?

Seminario Maggiore

Diocesi di Ivrea ( sec. XVIII )

Via Varmondo 15, 10015, ivrea

Il palazzo del Seminario Maggiore risale al XVIII sec. Sotto il porticato del cortile interno è stata murata una parte del mosaico presumibilmente appartenuto al pavimento del coro della primitiva cattedrale. Il frammento lungo 3,32 mt. ed alto 1,34 mt. è costituito da tessere policrome; nella parte di mosaico ancora visibile sono rappresentate quattro figure: filosofia, dialettica, geometria ed aritmetica. Nei locali del Seminario ha sede l'Archivio Storico Diocesano, detentrice dell’antico “Scriptorium” del VII e VIII secolo che dispone di oltre 27.000 volumi; particolarmente famoso il Sacramento di Warmondo del 1002.
Il Seminario Maggiore diventerà parte integrante del progetto per il nuovo Museo Diocesano che la Diocesi di Ivrea ha previsto di realizzare all’interno di un più ampio programma per il miglioramento del proprio patrimonio edilizio e culturale. I locali museali verranno realizzati con la ristrutturazione e l’ampliamento della palestra del Seminario Maggiore. L’edificio risale al 1965, anno in cui fu rilasciata definitiva autorizzazione alla sua realizzazione dal Comune di Ivrea e dalla Soprintendenza ai Monumenti per il Piemonte. L’edificio, costituito dalla palestra vera e propria e dall’annesso blocco servizi, fu edificato all’estremità Ovest del cortile del Seminario, dietro l’abside della Chiesa di San Nicola da Tolentino, lungo gli antichi bastioni della città. Il progetto prevede una riorganizzazione completa degli spazi interni della palestra, rendendoli funzionali alla destinazione d’uso museale; i locali espositivi saranno completati da un ampliamento a livello interrato, creando un nuovo ambiente direttamente connesso attraverso un tunnel esistente con gli interrati del Seminario Maggiore, che verranno utilizzati come deposito per il Museo. L’adiacente Chiesa di San Nicola, risalente all’anno 1605, sarà parte integrante del complesso museale, diventando parte del percorso di visita dello stesso. Esternamente verranno realizzati percorsi pedonali e aree verdi lungo il bastione, e l'area sarà collegata a Piazza Duomo attraverso l’attuale viale di accesso.

Il percorso espositivo del museo inizia con la visita della Chiesa di San Nicola da Tolentino, sala espositiva a tutti gli effetti dove si potranno apprezzare il ciclo di affreschi e gli arredi lignei. All’interno del museo vero e proprio le sale espositive ospiteranno lapidi ed epigrafi, cippi votivi e reperti di epoca che va dal II secolo d.c. al 1200, tra cui cippi votivi romani, lapidi funerarie ecc, quadri su tavola lignea di Defendente Ferrari risalenti al XVI sec. (Adorazione del Bambino con Santa Chiara e clarisse,1519, tempera su tavola, Ivrea, Sacrestia del Duomo; Adorazione del Bambino con il Beato Warmondo e donatore, 1521, Ivrea, Sacrestia del Duomo). Completeranno il percorso i codici, antichissimi libri in pergamena, di grande valore e alcuni di straordinaria bellezza, attualmente di difficile accesso perché riposti in biblioteche e luoghi non aperti al pubblico. Tra i più importanti: un antifonario, un evangelarium, uno psalterium, il Codice di Warmondo (risalente all’anno 1000), alcuni importanti codici di musica fra cui: Il J.IV.115, Il J.IV. 104, Il J.IV.71. Ivrea infatti, già nell'alto Medioevo, è un importante centro culturale grazie a Lotario, nipote di Carlo Magno, che fonda, nell'825, uno studium, cioè una scuola universitaria, affidandola al Vescovo. A rendere ancor più prestigiosa la scuola, Warmondo vescovo di Ivrea, istituisce, intorno all'anno 1000, uno scriptorium , in cui operano copisti, disegnatori e alluminatori (gli addetti della colorazione delle grandi lettere e delle figure) che realizzano manoscritti di alto valore artistico e culturale. Molte opere sono andate perdute ma ciò che rimane è un vero e proprio tesoro formato da numerose pergamene e 129 codici miniati.

Link esterni
Approfondimenti
Lun-Dom chiuso

Il museo è tutt'ora in fase di progettazione, si può visitare la Chiesa di San Nicola, parte del percorso di visita del museo, su appuntamento.

Il bene sarà visitabile negli orari indicati salvo celebrazioni liturgiche

Lun-Dom -

In occasioni particolari

Info

cattedrale
Cattedrale di Ivrea
diocesi
Ivrea
tipologia edificio
Chiese e comunità parrocchiali
indirizzo
Via Varmondo 15, 10015, ivrea
tel
0125 641138
mail
economato@diocesivrea.it
web
www.webdiocesi.chiesacatto

Servizi

accessibilità
si
accoglienza
sconosciuto
didattica
sconosciuto
accompagnamento
sconosciuto
bookshop
sconosciuto
punto ristoro
sconosciuto

© 2013 2017 cittaecattedrali.it - Applicazione web e design Showbyte srl