Logo-orizzontale
Icon-chiese-a-porte-aperte Chiese a porte aperte Facebook Share Twitter Tweet il mio itinerario ?

Collegiata di San Giovanni Battista (Casei Gerola)

Diocesi di Tortona ( sec. XIV; XV; XVIII )

Via Risorgimento 9, 27050 Casei Gerola (PV)

La Collegiata di San Giovanni Battista è in puro stile gotico-lombardo. Fu edificata sul finire del XIV secolo dai frati francescani dell’Osservanza di San Bernardino da Siena, come attestano ancora oggi le chiavi delle volte che recano tutte scolpito il trigramma JHS, circondato dal sole raggiato. Divenne chiesa parrocchiale ed Insigne Collegiata nel 1573.
L’edificio è a pianta basilicale, con le tre navate divise da pilastri a fascio, che reggono volte a crociera archiacuta.
In fondo alla navata sinistra, a lato del presbiterio, sopra la porta d’ingresso della cappella laterale, si trova il trittico attribuito a Cesare da Sesto (XV/XVI secolo), che rappresenta San Martino, San Rocco e San Gerolamo.
La cappella a sinistra del presbiterio è la Cappella Bottigella, edificata nel 1450 per volontà di Tomaino Bottigella e i cui lavori di decorazione vennero continuati dal figlio Giovanni Matteo negli anni 1472-1478. Gli affreschi sono attribuiti a Vincenzo Foppa (Padre Eterno benedicente, Annunciazione, Incoronazione della Vergine, Compianto sul Cristo morto, Evangelisti). Di altissimo pregio è il polittico in terracotta policroma, in cui è raffigurato il committente Giovanni Matteo Bottigella.
Nell’abside, dietro l’altare maggiore in marmo del sec. XVIII, si trova la statua marmorea di San Giovanni (XV sec.), attribuita a Giovanni Antonio Amadeo, l’architetto della Certosa di Pavia. La scultura è una rara rappresentazione dei “Due San Giovanni” il Battista e l’Evangelista, fusi insieme in una singolare iconografia. A lato il committente dell’opera Giovanni Matteo Bottigella.
In fondo alla navata destra si trova un grande affresco della Battaglia di Lepanto della fine del XVI secolo.

La Sala Capitolare, cui si accede dall’abside della navata centrale, ospita alcuni affreschi attribuiti a Manfredino da Boxilio XVI secolo. (la sala è visitabile solo su richiesta)

La cappella di San Fortunato, edificata tra il 1768 e il 1775, accoglie le spoglie del Patrono del paese San Fortunato. In stile barocco fiorito è opera dei grandi maestri del neoclassico lombardo: Gabrilele longoni, Antonio Rinaldi e Carlo Antonio Bianchi. Di grande pregio l'urna del Patrono, intagliata nel 1765.

Link esterni
Approfondimenti
Lun-Dom chiuso

La collegiata è aperta tutti i giorni. Per le visite contattare il parroco al numero 3356886500.

Il bene sarà visitabile negli orari indicati salvo celebrazioni liturgiche

Lun-Dom 18:00

Le visite sono vietate durante le celebrazioni liturgiche.

Info

cattedrale
Cattedrale di Tortona
diocesi
Tortona
tipologia edificio
Chiese e comunità parrocchiali
indirizzo
Via Risorgimento 9, 27050 Casei Gerola (PV)
cel
3356886500
mail
ins.coll@virgilio.it

Servizi

accessibilità
si
accoglienza
sconosciuto
didattica
sconosciuto
accompagnamento
true
bookshop
sconosciuto
punto ristoro
sconosciuto

© 2013 2019 cittaecattedrali.it - Applicazione web e design Showbyte srl