Logo-orizzontale
Facebook Share Twitter Tweet il mio itinerario ?

Chiesa dello Spirito Santo

Diocesi di Torino ( sec. XVI; XVIII )

Via Porta Palatina, 7 10121, Torino

La chiesa dello Spirito Santo si trova nel cuore di Torino, tra il Duomo ed il Municipio. Già nel 1575, anno di nascita dell’Arciconfraternita, l’oratorio viene ampliato fino ad inglobare i due terzi della chiesa di San Silvestro. Nel 1763 viene autorizzata la ricostruzione della Chiesa, affidando l’incarico all’architetto G.B. Ferroggio.
L’edificio è a navata unica, a pianta rettangolare, con i lati maggiori espansi in due cappelle curvilinee e terminante ad abside semicircolare. Ornano le pareti colonne corinzie scanalate in marmo di Valdieri sorreggenti la trabeazione rinforzata da un attico continuo su cui si impostano volte ed archi. La cupola ellittica, sostenuta da quattro archi dai pennacchi decorati in stucco, è divisa in otto spicchi con aperture ovali e culmina nel cupolino.
Gli stalli del coro, scolpiti in legno di noce, sono disposti ad emiciclo su tre file con sedile continuo, mentre la cattedra centrale è sormontata da baldacchino sorretto da cherubini, opera di Piero Botto e Matteo Madonna. L’altare maggiore, alla romana e a due gradini, è realizzato in marmo giallo di Verona e verde di Susa, ed ospita nella parte bassa il corpo di San Vittore martire.
A destra dell’ingresso si trova la cappella del Crocifisso con il crocifisso ligneo di fine Quattrocento. L’altare di destra è decorato dal gruppo ligneo dell’Addolorata, opera di Stefano Maria Clemente e quello di sinistra dal Battesimo di Costantino di Mattia Franceschini.
La chiesa è stata oggetto di un primo intervento di restauro a seguito dei bombardamenti della seconda guerra mondiale e di un secondo intervento dedicato al recupero degli interni nel 1984.

La confraternita dello Spirito Santo

L’arciconfraternita dello Spirito Santo fin dalla sua fondazione nel 1575, con l’approvazione religiosa di Mons. Della Rovere, ha sempre manifestato grande interesse per la musica. Uno dei suoi tre fondatori era infatti musico e la pratica musicale è sempre stata considerata essenziale in tutte le funzioni religiose. La prima notizia di acquisto di un organo si data al 1589, mentre tra il 1700 e la prima metà dell’800 si ha notizia dell’utilizzo di vari strumenti musicali per le celebrazioni. Nel coro dell’Arciconfraternita si formarono importanti musicisti tra cui Andrea Stefano Fiorè, Giovanni Antonio e Francesco Saverio Giaj, che nel corso del 1700 ricoprirono il prestigioso incarico di “maestro di cappella” nella Regia chiesa e nel Duomo di Torino.
La chiesa ospita un organo in legno scolpito e dorato, che occupa l’intera facciata interna dell’edificio. Il parapetto è ripartito in nove specchi recanti strumenti musicali, mentre sulla cimasa l’emblema dello Spirito Santo è sostenuto da due piccoli angeli musicanti.

Link esterni
Approfondimenti
Lun-Gio 09:30 - 11:30
Ven chiuso
Sab 09:30 - 11:30
Dom chiuso

Il bene sarà visitabile negli orari indicati salvo celebrazioni liturgiche

Lun-Dom -

La Santa Messa è celebrata il 1° venerdì del mese

Info

cattedrale
Cattedrale di Torino
diocesi
Torino
tipologia edificio
Confraternite
indirizzo
Via Porta Palatina, 7 10121, Torino
tel
011/4361050

Servizi

accessibilità
si
accoglienza
sconosciuto
didattica
sconosciuto
accompagnamento
sconosciuto
bookshop
sconosciuto
punto ristoro
sconosciuto

© 2013 cittaecattedrali.it - Applicazione web e design Showbyte srl