Logo-orizzontale

Sacro Monte di Varallo

Diocesi di Novara ( sec. XVI; XVII )

Il grandioso complesso monumentale del Sacro Monte di Varallo è situato in Valsesia e fu fondato su un terrazzamento naturale del Monte Tre Croci per volontà del frate Bernardino Caimi

Leggi tutto

San Bartolomeo

Diocesi di Novara ( sec. XII; XV; XVII )

Importante edificio religioso edificato sopra un preesistente sito del XII secolo. Pregevoli opere pittoriche all'interno: Morazzone, Cuzzio e Antonio Pini.

Leggi tutto

San Giovanni Battista

Diocesi di Novara ( sec. XVIII; XIX )

La chiesa parrocchiale di San Giovanni Battista venne terminata entro il 1741; la struttura semplice è esaltata dallo stile tardo barocco e rococò della decorazione interna e dagli affreschi di Carlo Borsetti e di Antonio Orgiazzi “il Vecchio”.

Leggi tutto

San Rocco

Diocesi di Novara ( sec. XVI; XVII; XVIII )

Chiesa a tre navate costruita tra il 1560 e il 1580 sul luogo di una preesistente cappella.

Leggi tutto

Santa Maria Assunta

Diocesi di Novara ( sec. XVII; XVIII; XIX )

La chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta è uno degli edifici religiosi più imponenti e maestosi della Diocesi di Novara; l’apparato decorativo interno è un interessante esempio di arte settecentesca.

Leggi tutto

Santi Pietro e Paolo

Diocesi di Novara ( sec. XVI; XVII; XIX )

La chiesa parrocchiale dei SS. Pietro e Paolo, deve l'aspetto attuale al progetto dell'architetto Alessandro Antonelli. L'interno è ricco di opere d'arte dal XVI al XIX secolo.

Leggi tutto

Santissima Trinità

Diocesi di Novara ( sec. XVI; XVII; XIX )

Risale al 1598 la consacrazione solenne della chiesa della SS. Trinità detta del Monserrato. Nei secoli l'edificio è stato oggetto vari rifacimenti. La facciata è opera dell'arch. Paolo Gaudenzio Rivolta (1818-1873). Ricco l'interno di opere d'arte.

Leggi tutto

Santo Stefano

Diocesi di Novara ( sec. XVII; XVIII )

Matrice di tutte le altre chiese della Valle Antigorio. Originariamente romanica, più bassa, più stretta, di pianta rettangolare. Campanile datato 1026. Il primo ampliamento risale al 1616 ed un secondo al 1777.

Leggi tutto

Santuario dei Piloni

Diocesi di Alba ( sec. XVIII; XIX; XX )

Il piccolo complesso dei Piloni può essere definito una sorta di Sacro Monte, poichè presenta le caratteristiche di questa espressione della religiosità popolare tipicamente controriformistica.

Leggi tutto

Santuario di San Chiaffredo

Diocesi di Saluzzo ( sec. XIV )

Le origini della devozione saluzzese per san Chiaffredo, martire della Legione Tebea, risalirebbero al 18 novembre dell’anno 522, con il ritrovamento, da parte di un contadino, della sua tomba, proprio nel luogo in cui oggi sorge il celebre Santuario.

Leggi tutto

Affetti e visioni. Arte e Controriforma

Affetti_e_visioni_arte_e_controriforma

L’estasi è il simbolo di questa impostazione artistica (celebre la Santa Teresa del Bernini a Roma). La Controriforma e il concilio tridentino sorgono dalla necessità di riconquistare vaste zone di territorio europeo interessate dalla Riforma. La Propaganda Fidae favorì quello che era un movimento autonomo dell’arte del tardo Rinascimento. Caravaggio dimunisce la distanza fra umili e divino: il contadino dai “piedi sporchi” si avvicina semplicemente alla fede. Il Barocco, quello poi esploso nel 1630, mette a disposizione tutta la sua capacità persuasiva nella rappresentazione degli affetti e dei sentimenti. La Controriforma e il Barocco avevano capito che l’uomo è mosso dalle passioni e che il popolo vive di simboli. Saranno gli artisti, tecnici della persuasione, ad offrire una strordinaria biblia pauperum.

Filtra i risultati

Azzera

© 2013 2019 cittaecattedrali.it - Applicazione web e design Showbyte srl