Logo-orizzontale
Icon-chiese-a-porte-aperte Chiese a porte aperte Facebook Share Twitter Tweet il mio itinerario ?

Chiesa di San Vincenzo

Diocesi di Biella ( sec. XII; XVIII; XIX )

45.518664, 8.209619

La chiesa di San Vincenzo di Mottalciata ha origini romaniche, ma fu interamente demolita a partire dal 1748 per far posto alla costruzione attuale. Le prime testimonianze in nostro possesso risalgono alla Vis. Past. del XVI sec. e ci descrivono una chiesa a tre navate. Il catino absidale doveva essere completamente affrescato e in testa alle due navate laterali dovevano essere presenti due altari rispettivamente dedicati alla Beata Vergine e a San Nicola. Risale al 1573 anche il primo riferimento alla tavola dipinta di scuola vercellese raffigurante "La Madonna col Bambino tra i Santi Vincenzo e Giovanni Battista", oggi conservata in una nicchia del presbiterio secondo l'assetto settecentesco.

Per tutto il XVI secolo proseguono i lavori e solo nel 1600 la chiesa antica viene ultimata nel suo complesso. In quest'epoca l'altare di San Nicola viene dedicato alla SS. Trinità. Nel corso del XVII secolo, nonostante proseguano i vari lavori all'interno, la chiese vive un periodo di declino determinato anche dal progressivo abbandono da parte della popolazione perché troppo lontana dal nuovo centro abitato. L'edificio sacro è ripetutamente preda dei ladri e dei vandali, che in più occasioni lo spogliano degli oggetti preziosi ivi conservati.
Nonostante tutto si continua a dotare l'antica chiesa di vari oggetti di valore, alcuni dei quali ancora esistenti, come il confessionale o i più tardi pulpito e battistero. Nel 1674 mastro Rolino scolpisce gli stalli e la cattedra del coro.

Il confessionale in legno di noce massello, è opera del mastro Carlo Trabucco di Mosso e datato 1679 come attestano, oltre le note di pagamento, le iniziali dell'artista e la data intagliati nella porta centrale. Al centro di questa campeggiano le chiavi di San Pietro intrecciate nella stola del confessore e sormontate dal nodo dei Savoia a sottolineare il rapporto delle famiglie locali con i sovrani.

La chiesa antica, romanica come il campanile, fu completamente rifatta tra il 1740 e il 1781. Era a tre navate, bassa di volta, ridotta in così cattivo stato che nel 1771 si dovevano sostenere le volte con i pali di legno.
Aveva un altare maggiore in muratura, anch'esso sgretolato, con tabernacolo di legno e due altari laterali, dedicati alla Madonna del Rosario e alla SS. Trinità, più un terzo, a forma di cappella, in fondo alla chiesa, detto del Suffragio.
Nel 1573 era ancora senza volta e senza pavimento, che furono costruiti solo prima del cader del secolo e sull'altare maggiore si ergeva il catino absidale ornato di affreschi ( A.C.A.V. Vis. Past. 24-VIII-1573).
La chiesa aveva due entrate: una nella facciata e l'altra verso settentrione e sette finestre.

Il Cimitero, fino al 1935, epoca in cui si costruì l'attuale, fu sempre sul piazzale , al lato destro della chiesa , dove ancor oggi esistono molte sepolture.

Il Campanile, imponente mole romanica del sec. XII diviso a riquadri con archetti decorativi e che nel 1725 ebbe rifatta la parte superiore nello stile del tempo, era allora staccato dalla chiesa. Stante lo stato così miserando e il continuo pericolo di rovinare del tutto, nel 1686 i capifamiglia avevano deciso di rifare completamente la chiesa. Li spingeva a ciò anche la scomodità di questa chiesa, la quale, in seguito allo spostamento dell'abitato verso la collina, era rimasta isolata in mezzo alla campagna e molto distante dalle case.
Il parroco D. Bajs aveva in parte risolto la situazione abitando nella casa del cappellano presso l'oratorio di S.Rocco e celebrando le funzioni parrocchiali in quest'oratorio (Vis. Past. 13-VIII-1686).
Nel 1699 non essendosi ancora fatto nulla , i capi-famiglia decidevano di ricostruire l'oratorio di S.Rocco in forme più ampie e ivi trasportare la chiesa parrocchiale, e a tal fine il 20-III-1700 i conti Frichignono di Castellengo avevano donato una pezza di terreno adiacente all'oratorio per facilitare il detto ampliamento. Ma anche questa volta non si approdò a nulla.
Troviamo nell'A.P. una supplica alla curia di Vercelli con risposta affermativa del 19-X-1715, in cui il parroco faceva richiesta del debito permesso per porre la prima pietra della nuova chiesa parrocchiale, da costruirsi vicino " le habitationi dei suoi Parrocchiani".
Si fece però un nuovo buco nell'acqua, perché verso il 1740 il parroco e gli amministratori parrocchiali, accogliendo il voto unanime della popolazione, decidevano di abbattere la chiesa e ricostruirla nello stesso luogo, con madornale sbaglio di continuare quella scomodità prima lamentata e che oggi è causa di gravi inconvenienti per il bene della popolazione.
L'ultimo restauro risale all'anno 1995. Progettista dell'intervento fu l'arch. Sergio Farassini di Biella.

Deposizioni Costruttive
Il coro e la sacrestia vennero eretti per primi mentre il corpo della chiesa venne costruito tra il 1772 ed il 1776. Questa localizzazione cronologica trova riscontro nelle diverse tipologie costruttive dell'opera: il coro, con volta a quarto di sfera con costolature superiori, e la sacrestia , con una bella volta emisferica, si differenziano dalla navata dotata di una più semplice, seppur notevole, copertura a botte. Nella parete esterna della sacrestia, verso l'antico cimitero, furono inseriti due resti di affreschi rappresentanti un Cristo deposto e la data "1518 die XI s..." provenienti sicuramente dalla chiesa vecchia.
Altre vestigia della chiesa romanica si trovano nelle parti basse del campanile con con murature a lisca di pesce di notevole spessore (fino a m. 1,50). La facciata è ornata da un pronao neoclassico.
L'intera opera venne decorata con pitture e stuccature nel 1781.
L'interno è dotato di un prezioso altare decorato con marmi pregiati su una struttura in muratura di mattoni e di una balaustra in marmo rosso, scolpito da Apollonio Colombara (1779-1780). All'esterno della chiesa, in alcuni angoli del perimetro, sono murate alcune pietre incavate, notevoli per la loro proporzionata semplicità, probabilmente vestigia del tempio romanico preesistente.

Approfondimenti
Lun-Ven chiuso
Sab 18:00 - 19:00
Dom 10:00 - 11:00

Il bene sarà visitabile negli orari indicati salvo celebrazioni liturgiche

Lun-Ven -
Sab 18:00
Dom 10:00

Info

cattedrale
Cattedrale di Biella
diocesi
Biella
tipologia edificio
Chiese e comunità parrocchiali
indirizzo
45.518664, 8.209619
tel
0161.857576
mail
parrocchia.speranza@libero.it
web
http://www.comune.mottalci

Servizi

accessibilità
si
accoglienza
sconosciuto
didattica
sconosciuto
accompagnamento
sconosciuto
bookshop
sconosciuto
punto ristoro
sconosciuto

DOVE DORMIRE NELLE VICINANZE

OSTELLO SANTHIA' SULLA VIA FRANCIGENA

VIA MADONNETTA 4, SANTHIA', 13048, VC

OSTELLO e OSPITALE PER PELLEGRINI

3664404253 / 3336162086 info@santhiasullaviafrancigena.it

Leggi tutto

CASA PER FERIE LA STEIVA

VIA GIOVANNI FLECCHIA 99, PIVERONE, 10010, TO

OSTELLO

3397219024 ostellolasteiva@gmail.com

Leggi tutto

OSTELLO IVREA CANOA CLUB

VIA DORA BALTEA 1/D, IVREA, 10015, TO

OSTELLO

3280999579 info@ostelloivrea.it

Leggi tutto

© 2013 2019 cittaecattedrali.it - Applicazione web e design Showbyte srl