Logo-orizzontale
Facebook Share Twitter Tweet il mio itinerario ?

Cattedrale di Sant'Evasio

Diocesi di Casale Monferrato ( sec. XII; XVIII; XIX )

Largo Mons. G. Angrisani, 15033 Casale Monferrato (AL)

La fondazione della chiesa di S. Evasio è fatta risalire alla prima metà dell’VIII sec., ai tempi del re longobardo Liutprando, il quale volle fare erigere una grande basilica in onore del Santo sulla piccola chiesa di S. Lorenzo edificata in precedenza dallo stesso Evasio. Papa Pasquale II nel 1107 consacrò un edificio probabilmente ancora in fase di riedificazione. L’imperatore Federico I, nel 1159 confermò alla canonica di S. Evasio beni e diritti, elargendo offerte per la costruzione la cui memoria è richiamata nel Necrologio del Capitolo. L’edificio venne danneggiato durante la distruzione di Casale del 1215. Nel 1474 venne istituita la Diocesi di Casale elevando la chiesa al rango di cattedrale. Le strutture murarie romaniche furono interessate nel corso dei secoli da modifiche ed aggiunte successive, specialmente in epoca barocca. La cinquecentesca cappella di S. Evasio nel 1764 venne riprogettata da Benedetto Alfieri. L’assetto attuale dell’edificio è dovuto al restauro condotto tra il 1857 e il 1861 dall’Architetto Edoardo Arborio Mella. I recenti restauri promossi da Mons. Zaccheo (1995-2007), hanno riportato alla luce la struttura originaria dell’Atrio Romanico. La cattedrale casalese si presenta con una grande facciata a capanna asimmetrica, scandita da una fuga di archetti pensili a tripla ghiera che racchiude il complesso atrio-basilica e presenta ai lati due alti campanili. L’impianto basilicale è a cinque navate, sulle quali si aprono le cappelle perimetrali. Alti pilastri quadrilobati sostengono le volte a crociera costolonate e quasi al centro dell’invaso si erge un tiburio ottagonale voltato ai cui lati si innesta uno pseudotransetto. La zona coro-presbiteriale, sopraelevata di cinque gradini, è delimitata da balaustra. Alla sinistra dell’altar maggiore vi è la cappella del SS. Sacramento; alla destra un varco conduce al deambulatorio ed alla sacrestia. Precede il corpo basilicale un imponente atrio dalla complessa struttura architettonica.

Presso l’Archivio Capitolare di Casale è conservato il manoscritto della Passio beatissimi Evasii, il racconto dei miracoli del Santo di Benevento. In esso si narra che Evasio viene chiamato ad Asti insieme all’amico Natale da dove dovrà fuggire per la presenza degli eretici. Insieme raggiungono Casale dove fonda una chiesa dedicata a San Lorenzo, ma essendo in contrasto con il governatore pagano viene perseguitato e ucciso. Natale, rimasto solo, si occupa della sepoltura e continua il suo progetto evangelico.
Se la Passio, risulta un documento a cavallo tra realtà e fantasia, di certo si sa che in onore del Santo martire Evasio si costruisce una grande basilica giunta fino a noi. Le vicende storiche relative alle sue spoglie hanno un che di rocambolesco: nel 1215 vengono trafugate dagli alessandrini assieme al galletto che ornava un campanile di facciata per essere trasportate nella propria Cattedrale. Solo nel 1403, dopo oltre 188 anni, il condottiero Facino Cane, riporta nella sede d’origine le reliquie di S. Evasio. Dal 3 ottobre 1808, anno di consacrazione della Cappella dedicata a S. Evasio della cattedrale, le reliquie, deposte in un’urna d’argento e cristallo, collocata nell’aula posta dietro l’altare, sono esposte alla venerazione popolare. La ricorrenza liturgica cade al 12 novembre, giornata nella quale si celebra la messa Pontificale a cui partecipano oltre alla popolazione tutte le alte cariche civili e militari. In tale occasione la Confraternita di Sant’Evasio distribuisce biscotti benedetti a forma di galletto in ricordo di quel simbolo appartenuto alla propria cattedrale.
La comunità di Casale è legata dal culto di Sant’Evasio alla comunità di Borgo Vercelli, da un voto fatto 8 settembre 1403 dai borghini in occasione della peste che ne decimo la popolazione. Pertanto ogni anno all’8 settembre i borgovercellesi si recano a Casale M.to in cattedrale presso la tomba di S. Evasio per sciogliere il voto fatto. Le due comunità si uniscono per celebrare la Santa Messa. Dopo la funzione una suggestiva processione, presieduta dal parroco vercellese, diparte verso il "grande fiume" dove col gesto devozionale punta l’indice del reliquario del braccio di S. Evasio verso Borgo Vercelli sciogliendo così il sacro voto. A conclusione della cerimonia, vi è la tradizionale distribuzione del vino e del pane di S. Evasio.
Oltre al culto ed alla venerazione del Santo partono all’interno dell’edificio cattedrale tre sono gli altari degni di nota. L’altare di San Lorenzo, in quanto copatrono della chiesa, sul quale, in occasione della festività del 10 agosto dopo la celebrazione della messa la Confraternita di Sant’Evasio distribuisce biscotti a forma di stella. L’altare della Consolata, la cui devozione è stata introdotta del vescovo Mons. Angrisani, giunto a Casale da Torino. La Messa vi viene celebrata il 20 giugno. Infine l’altare della Madonna di Fatima, dagli anni ’70 del XX sec. dedicato a questo culto dal parroco don Pierino Fumarco. Il 13 maggio, giorno che ricorda l’apparizione ai tre pastorelli, viene celebrata la Messa in questo altare.

Link esterni
Approfondimenti
La Cattedrale

Itinerario guidato per la visita della cattedrale

Il Crocifisso Romanico

Tematismo: antichi crocifissi.

Lun-Dom 08:30 - 12:00 15:00 - 18:30

E' possibile effettuare visite guidate su prenotazione telefonando:
- allo 0142.452219, Ufficio Beni Culturali della diocesi dal martedì al venerdì dalle ore 9:00 alle ore 12:00;
- allo 0142.444330 / 444249 – 3474882619, IAT (Informazione e Accoglienza Turistica – Associazione Orizzonte Casale dal lunedì al sabato dalle ore 8:00 – 12:00; domenica e festivi dalle 10:00 – 12:30 e 15:00 – 18:00 per le giornate di sabato e domenica pomeriggio;
- il secondo fine settimana di ogni mese in occasione di “Casale città aperta” l’associazione Orizzonte Casale garantisce la presenza di una guida turistica volontaria in cattedrale al sabato ed alla domenica pomeriggio.

Il bene sarà visitabile negli orari indicati salvo celebrazioni liturgiche

Lun-Ven 17:30
Sab 17:00
Dom 10:30 12:00 17:00

Nei giorni feriali:
dal 1 maggio al 12 novembre la messa è celebrata in Cattedrale,
dal 13 novembre al 30 aprile la messa è celebrata in Santo Stefano (piazza S. Stefano angolo via Saffi)

Info

cattedrale
Cattedrale di Casale Monferrato
diocesi
Casale Monferrato
tipologia edificio
Cattedrali
indirizzo
Largo Mons. G. Angrisani, 15033 Casale Monferrato (AL)
tel
0142452219
mail
beniculturali@diocesidicasale.191.it

Servizi

accessibilità
si
accoglienza
sconosciuto
didattica
sconosciuto
accompagnamento
true
bookshop
sconosciuto
punto ristoro
sconosciuto

© 2013 2017 cittaecattedrali.it - Applicazione web e design Showbyte srl