Logo-orizzontale
Icon-chiese-a-porte-aperte Chiese a porte aperte Facebook Share Twitter Tweet il mio itinerario ?

Musei della Canonica del Duomo di Novara

Diocesi di Novara

Vicolo della Canonica 9, 28100, Novara (NO)

Il percorso inizia con i gruppi statuari del ciclo della passione di Cristo, di provenienza dal battistero del duomo [Sale n.1, 3 e 4]. Si tratta di cinque gruppi scultorei in terra cotta, che rappresentano momenti della Passione di Cristo. La sala detta dell’affresco [sala n.2], contiene frammenti dipinti del ciclo di Giuditta, attribuiti al pittore novarese Bartulonus (1460 ca.).
Alle pareti importanti sculture di età longobarda (il san Giovanni Battista ed il profeta Daniele nella fossa dei leoni), seguono altri marmi scolpiti: chiavi di volta, già nella cattedrale romanica del sec. XII e del sec. XV; un leone stiloforo del secolo XII, in arenaria, proveniente dal Duomo, del sec. XV una gentile e delicata Madonna con il bambino, in marmo di Candoglia. Il manufatto più pregevole si trova al centro, sotto una protezione di vetro ed è costituito dalle due valve di un dittico eburneo del sec. V, detto di Patricius, voluto probabilmente dall’ aristocratico effigiato.; l’interno, contiene scritta ad inchiostro con carattere onciali, la notula dei vescovi. Passando innanzi all’affresco, con la decollazione di S.Giovanni Battista di Carlo Giuseppe Pontoia (1704-1766), si sale al piano superiore [Sala n.5] con paramenti e reliquie. Altri paramenti e oggetti liturgici occupano anche le sale 6, 7 e 8.
L’ambiente successivo [Sala n.9] presenta delle sculture lignee collegate con l’apparato liturgico. Una la Madonna in trono con Bambino dalla chiesa cimiteriale di Casalvolone, una copia di angeli dalla cattedrale, un Pdre benedicente; la Croce lignea da benedizione di fattura orientale attribuibile alla bottega di Zuan Zorzi Lascaris, detto ilo Pirgotele, metà del sec. XVI. Scolpita in legno di bosso, con tutta una serie di scene bibliche del vecchio e del nuovo testamento, dono del vescovo Antonio Tornielli.
La sala 10 è dedicata alla processione del Venerdì Santo con l’arca preziosissima del SS. Sacramento con il suo parlamentale.
Per un’apertura si passa alla manica nord del solarium [Sala n.11] che contiene collezione di cippi, are e epigrafi di epoca romana documenta la presenza umana sul territorio dal sec. I avanti Cristo sino al sec. V dopo Cristo, con il passaggio dalla romanità classica al Cristianesimo. Costituisce una celebrazione monumentale della romanità di Novara, di cui lascia intravedere strutture religiose politiche, amministrative e anche degli affetti familiari. Pregevoli le raccolte della saletta capitolare [Sala 12] con la collezione numismatica del Capitolo già ordinata dal Frasconi. Si tratta di 217 pezzi. E dai reperti in ceramica provenienti dalla Magna Grecia (zona pugliese) con elementi di altissimo valore artistico ed altri di uso più comune, espressione dell’arte italiota daunia.
Infine nell’antica Sala Capitolare dove, sulla parete sud, è affrescata una splendida crocifissione di G.A. Merli (1478), sono conservati in apposite teche la documentazione della cultura manoscritta [Sala 12] che si apre con una carta di supplica del 729, la più antica testimonianza scritta su pergamena della chiesa novarese. Nello scriptorium vennero confezionati anche i libri per il servizio liturgico, bibbie, lezionari, sacramentari, messali, omeliari, processionali, rituali, spesso con le iniziali miniate e con preziose legature metalliche.

I Musei della Canonica del Duomo di Novara sono allestiti nelle maniche est, nord e ovest del Quadriportico medievale della Canonica del Duomo.
Nel 1999 è stato inaugurato il primo lotto dell’itinerario museale con il Museo Lapidario; nel 2009 è stato aperto al pubblico il Museo del Tesoro del Duomo e, infine, nel 2014 è stata allestita l’antica Sala Capitolare.
Nei Musei sono conservati manufatti e documenti che, a partire dal sec. V, arrivano sino al sec. XX. i manufatti scandiscono in due parti l’itinerario museale. Una prima parte, dedicata a don Angelo Luigi Stoppa (1915 – 1998), comprende quanto riguarda la cattedrale; una seconda parte con epigrafi, are, cippi romani, porta il nome dell’abate Carlo Francesco Frasconi (1754 – 1836); infine la Sala Capitolare conserva i più antichi documenti e i codici dell’Archivio Capitolare.
I Musei della Canonica insieme alla Cappella Strumentale e ai Piccoli Cantori di S. Maria, costituiscono le attività istituzionale della Fondazione Amici della Cattedrale. Sorta nel 1996 in forma associativa, nell’anno successivo è divenuta Fondazione che in 20 anni di attività ha dato vita alla Cappella Strumentale (1995), ai Piccoli Cantori di S. Maria (1996) e ai Musei della Canonica del Duomo (1999, 2009 e 2014).

Approfondimenti
Lun-Ven chiuso
Sab-Dom 15:00 - 18:00
Lun-Ven chiuso
Sab-Dom 16:00 - 19:00

Info

cattedrale
Cattedrale di Novara
diocesi
Novara
tipologia edificio
Musei ecclesiastici
indirizzo
Vicolo della Canonica 9, 28100, Novara (NO)
tel
0321661635
cel
3311659568
mail
prenotazioni@innovara.eu
web
http://www.novariae.it/mus

Servizi

accessibilità
si
accoglienza
true
didattica
true
accompagnamento
true
bookshop
sconosciuto
punto ristoro
sconosciuto
Biglietto intero 5.0 €
Biglietto ridotto (over 65 e gruppi) 3.0 €

© 2013 2018 cittaecattedrali.it - Applicazione web e design Showbyte srl