Logo-orizzontale
Facebook Share Twitter Tweet il mio itinerario ?

Cappella di Santo Stefano (Giaglione)

Diocesi di Susa ( sec. XIII )

frazione Santo Stefano, 10050 Giaglione (TO)

La piccola cappella, risalente al XIII secolo, sorge nel cuore della borgata omonima, collocata nella parte più bassa del territorio giaglionese, ai confini con Susa. L’edificio è costituito da un semplice vano rettangolare con facciata a capanna, sormontato da un campanile moderno in mattoni, mentre la porta d'ingresso è sovrastata da un arco a pieno sesto.
L’esterno delle’edificio è decorato sulla facciata settentrionale dal celebre ciclo di affreschi raffigurante la Cavalcata dei Vizi e delle Virtù, tema che godette di una certa fortuna in valle come attestano i casi di Salbertrand, Horres (Millaures) e Novalesa. Gli affreschi sono datati dalla critica tra il 1483 e il 1490 e ricondotti all’attività della bottega dei pinerolesi Serra. Le scene si presentano su tre registri sovrapposti. Nel registro superiore sono raffigurate, in successione da destra verso sinistra, le Virtù accompagnate da figure angeliche. Sulla sinistra della fascia è presente Gerusalemme celeste, presentata come una città turrita al di sopra della quale campeggia, inserita in una mandorla e circondata da serafini, la figura dell’eterno. San Pietro, che reca tra le mani le chiavi del Regno dei Cieli, campeggia dinnanzi alla porta della città. Nella fascia intermedia si succedono, in corrispondenza delle Virtù, i Vizi impersonati da uomini e donne collegati da una catena, accompagnati da diavoli e intenti a cavalcare gli animali che la simbologia associa a ciascuno di essi. L’intero corteo si dirige verso sinistra, dove campeggia la bocca dell’inferno raffigurato come un Leviatano dalle fauci spalancate. Nella fascia inferiore, infine, troviamo rappresentate le pene infernali collegate ad ogni singolo vizio. Due iscrizioni in francese antico campeggiano nel primo riquadro in basso a sinistra e sull’arcone dell’ingresso laterale della cappella. La prima narra al pellegrino l’origine delle raffigurazioni del regno dei morti. La seconda, invece, è di carattere monitorio ed in tema con l’iconografia.

La cappella di S. Stefano di Giaglione è uno dei quattro edifici sacri della Valle di Susa che presentano cicli affrescati al tema della cavalcata dei Vizi e delle Virtù. Tali raffigurazioni, di origine medievale, sono solitamente situate sugli esterni degli edifici e, a titolo edificante, presentano su tre fasce sovrapposte la teoria delle Virtù, cui sottostanno i corrispondenti Vizi e le Pene Infernali.

Link esterni
Approfondimenti
Lun-Dom chiuso

Visite guidate su richiesta; ciclo affrescato esterno sempre visibile

Il bene sarà visitabile negli orari indicati salvo celebrazioni liturgiche

Lun-Dom -

Info

cattedrale
Cattedrale di Susa
diocesi
Susa
tipologia edificio
Antiche cappelle
indirizzo
frazione Santo Stefano, 10050 Giaglione (TO)
tel
0122/622640
mail
museo@centroculturalediocesano.it
web
www.vallesusa-tesori.it

Servizi

accessibilità
si
accoglienza
sconosciuto
didattica
sconosciuto
accompagnamento
true
bookshop
sconosciuto
punto ristoro
sconosciuto

© 2013 2017 cittaecattedrali.it - Applicazione web e design Showbyte srl