Logo-orizzontale
Icon-chiese-a-porte-aperte Chiese a porte aperte Facebook Share Twitter Tweet il mio itinerario ?

Collegiata di Santa Maria Assunta (Novi Ligure)

Diocesi di Tortona ( sec. XVII )

44.759145, 8.785789

La chiesa risulta già menzionata nel XIII secolo, ma nel corso dei secoli subisce diversi lavori di ristrutturazione, in quanto risulta insufficiente per accogliere tutta la popolazione novese. La facciata è caratterizzata da due campanili laterali e da due volute che fanno da raccordo con il timpano centrale.
La chiesa assume l’assetto definitivo nel 1679 e viene consacrata nel 1684.
Presenta una pianta a croce latina, divisa in tre navate da due file di colonne doppie in pietra. Le navate laterali hanno quattro altari; sul braccio destro del transetto si apre la cappella della Madonna Lagrimosa, sul braccio sinistro quella degli Angeli Custodi.
L’interno è arricchito da innumerevoli stucchi e da numerosi dipinti seicenteschi di scuola genovese. Il penultimo altare a sinistra, intitolato a S. Francesco Saverio, incornicia il dipinto raffigurante la "Predica di San Francesco Saverio" di Andrea Pozzo (Trento, 1642 – Vienna, 1709).
L’altare maggiore in marmi chiari è stilisticamente databile al XVII secolo ed è attribuibile a una bottega genovese: probabilmente fu realizzato tra il 1676, anno di inizio dei lavori di ristrutturazione e restauro dell’interno della chiesa, e il 1684, quando le reliquie di San Vittore furono traslate nel sacello di quest’altare. La mensa, di forma trapezoidale, poggia su due piedi laterali ed è affiancata da due angeli che fungono da telamoni; i tre gradoni superiori presentano una ricca decorazione a foglie d’acanto in marmo bianco.
Di notevole interesse è il gruppo ligneo posto sull’altare maggiore, rappresentante il "Calvario", costituito dal Crocifisso e da quattro statue a grandezza quasi naturale, cave nel retro, raffiguranti la Maddalena, San Giovanni Evangelista, San Pietro e Santa Marta.
Degna di nota è la cappella posta al termine della navata destra, i cui stucchi furono disegnati da Andrea Pozzo: sull’altare seicentesco è collocata una statua lignea del XV secolo nota come "Beata Vergine Lagrimosa", santa protettrice della città. Nella stessa cappella si conservano due importanti dipinti: a Domenico Fiasella è attribuita la tela raffigurante l’"Annunciazione con un donatore" (1660). Il dipinto, dono votivo della famiglia Spinola, fa pendant con la scena notturna della "Natività della Vergine" (1666) del principale collaboratore di Fiasella, l’allievo e cognato Giovanni Battista Casoni.

L’altare maggiore della Collegiata di Novi custodisce le reliquie di San Vittore. Nel 1684 il corpo di San Vittore, proveniente dalle catacombe romane di San Callisto, fu donato dal card. Rospigliosi alla città di Novi. Inizialmente le reliquie furono poste in una cappella laterale; durante l’età napoleonica la cassetta reliquiario fu spostata in sacrestia; nel 2000 venne restaurata per volontà dell’attuale parroco, don Zanolli, ed esposta sotto l’altare maggiore. Al centro del paliotto infatti si apre una finestrella con grata, circondata da una cornice a volute in marmo di Carrara parzialmente dorata, retta lateralmente da due angioletti.
La Chiesa Collegiata di Novi Ligure è il principale e fondamentale tempio mariano della città, sede di una sentita devozione per l’antica effige della “Munificentissima Novarum Patrona”, la Vergine Lagrimosa. La cappella della Lagrimosa si colloca al termine della navata destra: fu rifatta nel sec. XVII e ulteriormente abbellita nei secoli successivi, data la particolare venerazione dei novesi. Nel 1630, evitata la peste grazie all’intercessione della Madonna, il popolo fece voto di festeggiare la Vergine il 5 agosto e tutt’oggi questa data è celebrata solennemente. La festa è preceduta da una Novena e alla vigilia la statua della Madonna viene trasportata sull’altare maggiore. Il giorno 5 le messe sono continue: alle 10,30 il Vescovo celebra il Pontificale, alla presenza delle autorità cittadine; nel pomeriggio la messa è accompagnata da una processione, alla quale partecipano le Confraternite della città e dei dintorni.

Link esterni
Lun-Dom 08:00 - 12:00 16:00 - 18:00

Il bene sarà visitabile negli orari indicati salvo celebrazioni liturgiche

Lun-Sab 09:00 17:00
Dom 11:00 12:00 17:00

Info

cattedrale
Cattedrale di Tortona
diocesi
Tortona
tipologia edificio
Chiese e comunità parrocchiali
indirizzo
44.759145, 8.785789
tel
0143/ 2112

Servizi

accessibilità
si
accoglienza
sconosciuto
didattica
sconosciuto
accompagnamento
sconosciuto
bookshop
sconosciuto
punto ristoro
sconosciuto

DOVE DORMIRE NELLE VICINANZE

CASA CANONICA PARROCCHIA SS. MARTINO E STEFANO

Via Tripoli 35, SERRAVALLE SCRIVIA, 15069, AL

CASA CANONICA

014365191 parr.serravallescriv@libero.it

Leggi tutto

CASA PER FERIE S. MARIA MAZZARELLO

VIA M. FERRETTINO 18, MORNESE, 15075, AL

CASA PER FERIE

0143887860 mornesecoll@fma-ipi.it

Leggi tutto

CASA PER FERIE MAZZARELLI

VIA S. M. MAZZARELLO 44, MORNESE, 15075, AL

CASA PER FERIE

0143875334 mornesemazz@fma-ipi.it

Leggi tutto

© 2013 2019 cittaecattedrali.it - Applicazione web e design Showbyte srl