Logo-orizzontale
Icon-chiese-a-porte-aperte Chiese a porte aperte Facebook Share Twitter Tweet il mio itinerario ?

Santissimo Rosario (Pecetto di Valenza)

Diocesi di Alessandria ( sec. XVII )

Via Mongiardino, 15040, Pecetto di Valenza, Alessandria

Il 6 dicembre 1632 Giulio Cesare Salomoni, nobiluomo, giunto ormai al termine dell’esistenza terrena e non avendo eredi diretti, dispose che una cospicua parte del suo patrimonio andasse a garanzia del mantenimento di una rappresentanza di ordine religioso da insediarsi nel proprio paese e che fosse di appoggio alle attività intraprese dal rettore della parrocchia. Con atto di donazione datato 6 dicembre 1632 disponeva quanto sopra a favore della Provincia domenicana di S. Pietro Martire, con l’impegno da parte del beneficiario di fondare in Pecetto un convento dell’Ordine. Venne iniziata così la costruzione della chiesa del Rosario, su un terreno pagato 25 scudi d’oro. Nonostante una successiva lite con la famiglia Salomoni e il cambio di testamento, convalidato nella sua prima versione dal Senato milanese, il convento godette di bene per un totale di 25.000 lire oro e 443 pertiche di terreno. I Domenicani di Pecetto videro la loro comunità definitivamente soppressa il 15 settembre 1789 con bolla di Pio VI. I beni vennero alienati a privati, mentre la chiesa passò alla confraternita del SS. Rosario che ne assunse la direzione occupandosi delle celebrazioni ed assumendo un cappellano scelto tra il clero libero domiciliato nel territorio della parrocchia e procurando anche l’alloggio.
L’edificio è incuneato nel bel centro storico di Pecetto, nella sua parte alta. Spicca, in un paesaggio architettonico caratterizzato dal mattone, la sua facciata intonacata di bianco, con semplice profilo a capanna e cornici marcapiano, mossa solo da quattro nicchie ai lati del portale e del finestrone nella parte alta del prospetto. Si lega in ogni caso al territorio per l’alto campanile in laterizio.

Il culto del Santissimo Rosario ha origine dai Padri Carmelitani, Ordine Religioso riconosciuto da Innocenzo IV nel 1247. Fu nel Medioevo che S.Beda il Venerabile aveva suggerito l'adozione di una collana di grani per conteggiare le preghiere. Nacque così la devozione alla corona del rosario, che ha il significato di una ghirlanda di rose offerta alla Madonna. La festa liturgica si celebra sia il 16 luglio per commemorare l'apparizione mariana che sarebbe avvenuta nel 1251 a San Simone Stock, all'epoca priore generale dell'ordine carmelitano, sia il 7 ottobre, data istituita da San Pio V in ricordo della vittoria riportata a Lepanto sui Turchi del 1571. La Madonna del Carmine è venerata anche come protettrice delle anime sante del Purgatorio, raffigurata mentre le trae dalle fiamme dell’espiazione, e anche per questo è invocata come “Madonna del Suffragio”.
La maggiore opera oggetto di devozione nella chiesa del SS. Rosario è il Crocifisso di ambito ligure-piemontese, risalente alla metà del XV secolo, che oggi campeggia sull'altare maggiore. Accanto ad altre sculture che richiamano una tradizione lombarda, come il Crocifisso esposto nella chiesa dei SS Maria e Remigio di Pecetto, in questo caso siamo davanti a un esempio che non ignora ciò che accade artisticamente fra le Alpi e il mare.
E' probabile che fra Valenza e Alessandria lavorassero botteghe di influsso lombardo ma che non rinunciavano a cercare altre suggestioni. Di gusto ponentino è la lavorazione in piccola scala, con braccia che si allungano partendo da spalle molto strette, connotando il pezzo di una certa tensione ravvisabile nella linea del diaframma toracico oltremodo sottolineata.

Link esterni
Approfondimenti
Lun-Dom chiuso

L'Oratorio non è normalmente aperto al pubblico se non durante le festività legate alla Confraternita del SS Rosario. Per le visite contattare l'Ufficio Beni Culturali della Diocesi di Alessandria, tel. 0131-512239.

Il bene sarà visitabile negli orari indicati salvo celebrazioni liturgiche

Lun-Dom -

L'Oratorio non è normalmente officiato se non durante le festività legate alla Confraternita del SS Rosario, per cui si può contattare l'Ufficio Beni Culturali della Diocesi di Alessandria, tel. 0131-512239.

Info

cattedrale
Cattedrale di Alessandria
diocesi
Alessandria
tipologia edificio
Confraternite
indirizzo
Via Mongiardino, 15040, Pecetto di Valenza, Alessandria
tel
0131-512239
mail
beniculturali@diocesialessandria.it

Servizi

accessibilità
si
accoglienza
sconosciuto
didattica
sconosciuto
accompagnamento
sconosciuto
bookshop
sconosciuto
punto ristoro
sconosciuto

DOVE DORMIRE NELLE VICINANZE

CASA SAPPA

VIA S. GIACOMO DELLA VITTORIA 63, ALESSANDRIA, 15121, AL

Casa di accoglienza

0131252988 casasappa@fastwebnet.it

Leggi tutto

CASA CANONICA PARROCCHIA SS. MARTINO E STEFANO

Via Tripoli 35, SERRAVALLE SCRIVIA, 15069, AL

CASA CANONICA

014365191 parr.serravallescriv@libero.it

Leggi tutto

ISTITUTO MADONNA DELLE GRAZIE

VIALE DON BOSCO 40, NIZZA MONFERRATO, 14049, AT

CASA PER FERIE

01411806000 casaperferie@scuolanizza.it

Leggi tutto

© 2013 2019 cittaecattedrali.it - Applicazione web e design Showbyte srl