Logo-orizzontale
Icon-chiese-a-porte-aperte Chiese a porte aperte Facebook Share Twitter Tweet il mio itinerario ?

Chiesa dell'Annunziata

Diocesi di Casale Monferrato ( sec. XIII; XIX )

strada Comnunale Molignano, 15049 Vignale Monferrato (AL)

L’edificio è situato sul lato destro della strada che da Casorzo conduce ad Altavilla, zona che in epoca romana è stata sede di un fundus imperiale e presso la quale sono state rinvenute monete e altri reperti. Il toponimo “Molignano” deriverebbe difatti dal personale latino Molenius, da cui fundus molenianus. Nel 1298-99 venne elencata senza titolo nei registri delle decime della diocesi di Vercelli sotto la pieve di Rosignano e in quelli del 1348 con il titolo di Sancte Marie di Molignano. Nel 1710 l’abate di Lavriano la cita come Beata Vergine di Molignano. Nel 1880 la Chiesa venne abbattuta e ricostruita a partire dal 1884.
Orientata verso nord, è a pianta rettangolare, con muratura a corsi alterni di arenaria e di mattoni. Presenta un piccolo campanile sul lato destro, con campana datata 1781. L’interno è a una sola navata con volta a botte e prende luce da tre finestre, una sopra la porta d’ingresso e due nelle pareti laterali. Il presbiterio, con volta a cupola, è sollevato di un gradino. Un leggero cornicione separa le pareti dalle volte. A destra dell’entrata si trova un bassorilievo in marmo bianco, già inglobato all’esterno nella parete di fondo e trasferito in loco nel 1989 a cura della Sovraintendenza per i Beni Ambientali e Culturali del Piemonte. Vi sono scolpiti i busti di due donne appaiate, tuttavia la presenza di un drappeggio, a lato della donna più giovane, fa intuire la presenza di una terza figura. E’ stato datato, per mezzo dell’analisi del carbonio-14 al III secolo d.C. ed è possibile ritenere che si tratti di un frammento di una stele funeraria, forse appartenente a proprietari terrieri che disposero di essere sepolti nel fundus anche se alternavano il soggiorno rurale con quello urbano.
Il basamento dell’altare è costituito da due blocchi di arenaria sovrapposti, anch’essi inglobati nella parete laterale e trasferiti in loco nel 1965. Quello inferiore, nel quale si può notare scolpito un agnello, è presumibilmente un frammento del capitello di una colonna. Nel superiore, forse un frammento del fregio di un altare, si evidenziano due pesci o due volpi, fronteggiantesi con le code ripiegate in avanti sul dorso.
Sulla parete di fondo spicca una tela del pittore vignalese Luigi Pavese, datata 1886, rappresentante L’Annunciazione di Maria Vergine, sotto alla quale si trova una statua in legno della Madonna, di fattura secentesca, la cui tradizione vuole far provenire da Albenga, recuperata in mare dopo un naufragio. In una nicchia della parete laterale sinistra del presbiterio è posta un’altra statua in gesso della Madonna. I 14 dipinti su rame dell’artista Maria Pia Rossi costituiscono infine la “Via Crucis”.

Sulla parete di fondo spicca una tela del pittore vignalese Luigi Pavese, datata 1886, rappresentante L’Annunciazione di Maria Vergine, sotto alla quale si trova una statua in legno della Madonna, di fattura secentesca, la cui tradizione vuole far provenire da Albenga, recuperata in mare dopo un naufragio. Essa celebra l'annuncio del concepimento verginale e della nascita verginale di Gesù che viene fatto a sua madre Maria dall'arcangelo Gabriele. La Chiesa cattolica celebra questo evento il 25 marzo di ogni anno. Quale momento del concepimento, l'Annunciazione è stata simbolicamente collocata nel giorno al 9º mese prima del Natale. Tale collocazione ha anche però un valore teologico e liturgico: l’Annunciazione, quale momento storico dell’inizio dell’Incarnazione e quindi della storia della salvezza, viene così a cadere nello stesso periodo in cui la tradizione ebraica poneva l’inizio del suo anno religioso, cioè nel mese di nisan (marzo/aprile), e fino all’Alto Medioevo proprio il 25 marzo segnava l'inizio del ciclo liturgico annuale del cristianesimo, poi spostato allo stesso Natale ed infine all’Avvento, ma anche l'inizio del calendario civico (come ad esempio in Firenze). Questo fatto fu favorito anche dalla coincidenza con importanti ciclicità astronomiche: infatti, se la collocazione del Natale fu volutamente fatta coincidere con il periodo del solstizio invernale, l'Annunciazione viene così a cadere in quello dell'equinozio primaverile.

Liens externes
Approfondissements
Lun-Dom chiuso

Visitabile su appuntamento contattando il parroco.

Le site pourra être visité durant l'horaire indiqué sauf en cas de célébrations liturgiques

Infos

cathédrale
Cattedrale di Casale Monferrato
diocèses
Casale Monferrato
type d'édifices
Chiese e comunità parrocchiali
adresse
strada Comnunale Molignano, 15049 Vignale Monferrato (AL)
tél
0142933025

Services

accessibilité
si
accueil
inconnu
didactique
inconnu
accompagnement
true
bookshop
inconnu
restauration
inconnu

OÙ DORMIR À PROXIMITÉ

CARMELO “MATER UNITATIS”

REGIONE VILLA PUZZI 1, MONTIGLIO MONFERRATO , 14026, AT

FORESTERIA

0141994055

Lire tout

CASA SAPPA

VIA S. GIACOMO DELLA VITTORIA 63, ALESSANDRIA, 15121, AL

Casa di accoglienza

0131252988 casasappa@fastwebnet.it

Lire tout

ISTITUTO MADONNA DELLE GRAZIE

VIALE DON BOSCO 40, NIZZA MONFERRATO, 14049, AT

CASA PER FERIE

01411806000 casaperferie.fmanizza@gmail.com

Lire tout

© 2013 2019 cittaecattedrali.it - Applicazione web e design Showbyte srl