Logo-orizzontale
Icon-chiese-a-porte-aperte Chiese a porte aperte Facebook Share Twitter Tweet il mio itinerario ?

Chiesa di S. Secondo - Mongiglietto di Cortazzone (AT)

Diocesi di Asti ( sec. XI )

Mongiglietto, SP 2, 14010 Cortazzone

La chiesa romanica di San Secondo in Cortazzone sorge ad un km dall’abitato, sulla collina della frazione di Mongiglietto; nel 1300 dipende dal vescovo di Asti e su richiesta dei Signori di Cortazzone il vicario ne conferisce la direzione e l’amministrazione ad un sacerdote da loro presentato. Nel 1345 la chiesa fa parte del distretto della pieve di Montechiaro, pieve dipendente direttamente dal Capitolo della Cattedrale di Asti. Intorno al 1600 la chiesa romanica di San Secondo cessa di essere parrocchiale in favore dell’attuale chiesa parrocchiale, attorno alla quale si era sviluppato l’abitato nella cinta del Castello; nel 1880 viene dichiarata Monumento Nazionale.
La chiesa, costruita con materiale del luogo, è orientata in direzione Est-Ovest ed ha pianta basilicale a tre navate terminanti con absidi semicircolari. La muratura è in blocchi di pietra faccia a vista con l’inserimento di muri di mattoni. Il campaniletto a vela in sommità della facciata è stato realizzato nel XVII sec. ed è dotato di campana. La facciata a salienti è caratterizzata da portale di accesso a doppio arco di pietra con cornice orizzontale superiore con conchiglie. Il perimetro della fabbrica è diviso in campiture da agili semicolonne e pilastrini sui cui capitelli si impostano archetti pensili che fanno da coronamento alla muratura; sculture zoomorfe ed antropomorfe si ammirano in facciata lungo la cornice superiore del portale di accesso, nella facciata sud, particolarmente ricca di decorazioni scultoree, così come nelle absidi, decorate inferiormente da una fascia a denti di lupo in cotto e superiormente dall’alta fascia decorativa ad archetti pensili su mensole e capitelli scolpiti.
All’interno la pianta è a tre navate a cinque campate, scandite dall'alternanza di colonne e pilastri con capitelli in pietra scolpita su cui si innestano gli archi a sesto acuto delle volte a vela; tali volte, insieme con il pavimento in piastrelle di cotto, rialzato nel presbiterio da tre gradini, e le modifiche all’altare in muratura con gli archetti laterali, risalgono alla prima metà dell’Ottocento. I capitelli e le colonne meritano di essere osservati singolarmente; la simbologia di non facile interpretazione, che allude a Vizi e Virtù.

La chiesa, seppur parrocchiale solo fino al ‘600 circa, è sempre rimasta aperta al culto ed in forza di decreto vescovile degli anni Novanta del Novecento vi si possono celebrare matrimoni. Ogni anno, nella prima domenica di maggio alle ore 17, si celebra solennemente la Festa di San Secondo con la tradizionale benedizione degli autoveicoli.
L'intitolazione della chiesa al santo patrono della città di Asti è testimoniata dall'affresco trecentesco visibile nel catino absidale centrale; l'affresco impreziosito da una cornice inferiore a “damier” riporta tre figure: al centro il Signore Gesù Cristo, l'Eterno in trono benedicente; alla sua sinistra San Secondo con in mano la città di Asti e la spada ed alla sua destra San Brunone, o come più recentemente interpretato San Siro; tale affesco, oggetto di attento restauro nel 1992, reca in alto la scritta: “Hoc opus fecit fieri Iacobus de Franco”.
Sulla facciata rivolta a sud della chiesa è ancora visibile una meridiana ad ora canonica, ormai silenziosa, perché priva di stilo, ma testimonianza, per l’attento visitatore, dell’impegno alla preghiera quotidiana degli operosi monaci; queste meridiane sono anche dette benedettine perché la loro ideazione è attribuita ai monaci benedettini che le utilizzavano di giorno per dare ordine al lavoro, al risposo ed alla preghiera; erano graffite sulle pietre e dotate di una piccola asta perpendicolare alla parete, lo stilo, che proiettava l’ombra su particolari linee; in questo caso le linee sono tre, una verticale e due simmetricamente diagonali che si riferiscono all’ora Terza, Sesta e Nona, rappresentative della Passione di Gesù, in particolare del processo, della crocifissione e della morte.

External links
Insights
Lun-Sab 08:30 - 12:00 14:00 - 18:00
Dom chiuso

Tutti i giorni tranne i festivi. Rivolgersi per la visita al distributore in valle - rif. Telefonico 0141 - 995118

The building may be visited at the times indicated unless a religious function is in progress

Info

cathedral
Cattedrale di Asti
diocese
Asti
type of building
Chiese e comunità parrocchiali
address
Mongiglietto, SP 2, 14010 Cortazzone
tel
0141997033

Services

accessibility
parziale
reception
true
educational
unknown
guides
unknown
bookshop
unknown
food venue
unknown

ACCOMMODATIONS NEARBY

ISTITUTO BERNARDI SEMERIA - CENTRO ACCOGLIENZA GIOVANI

COLLE DON BOSCO, FRAZIONE MORIALDO 30, CASTELNUOVO DON BOSCO, 14022, AT

OSTELLO

0119877111 info@colledonbosco.it

Read all

CASA del PELLEGRINO

VIA S. GIOVANNI BOSCO 30, VILLANOVA d'ASTI, 14100, AT

CASA PER FERIEc

0141948447 cdelpellegrino.villanova@gmail.com

Read all

CARMELO “MATER UNITATIS”

REGIONE VILLA PUZZI 1, MONTIGLIO MONFERRATO , 14026, AT

FORESTERIA

0141994055

Read all

© 2013 2019 cittaecattedrali.it - Applicazione web e design Showbyte srl